Opere pubbliche ferme,  sbloccato un miliardo

TRENTO - Meno burocrazia, anche per sbloccare le opere pubbliche ferme nei Comuni, per un miliardo di euro in tutto. È forse il punto più significativo del disegno di legge approvato nel pomeriggio dal Consiglio provinciale di Trento, proposto come urgente dalla Giunta, a scopo anticrisI.

 

 

Ciò soprattutto in un momento in cui i Comuni italiani da tempo chiedono di dare la possibilità di spendere i soldi fermati dal "patto di stabilita".

 

Qui non si tratta comunque di questo, ma di lavori già programmati in via ordinaria, che secondo l'amministrazione provinciale sono rallentati dall'eccessiva burocrazia. E arriveranno tanto di sanzioni per quelli che non avvieranno gli appalti. In una provincia in cui le opere pubbliche sono il 3% del Pil, come ha sottolineato l'assessore agli Enti locali, Mauro Gilmozzi.

 

Altro provvedimento nel ddl è la razionalizzazione dei controlli sulle imprese, mantenendone la qualità, ma puntando di più, ad esempio, verso chi fa ribassi maggiori. Procedure edilizie nuove, infine, per favorire l'associazione dei liberi professionisti tra i più soggetti alla concorrenza internazionale, come gli ingegneri.

 

"Una legge urgente e indispensabile per i partiti di maggioranza", per primi Unione per il Trentino, Pd, Idv. Non ha incontrato invece i favori delle minoranze, in disaccordo sul fatto che la burocrazia sia nei Comuni, ma anche convinti che non siano norme che favoriranno una ripresa. Lega Nord e Pdl in particolare. La legge quindi è passata con 21 sì e 11 no.

Anni fa quando gli appalti erano nella responsabilità di Sindaco e Giunta,i lavori si facevano ,nei tempi giusti e senza tanti problemi! Con le nuove normative e da quando tutto dipende dal Segretario e dall'Ufficio Tecnico spesso gli appalti sono diventati più faticosi, complicati e i tempi si sono allungati enormemente.

Non si devono assegnare i lavori alle ditte che offrono il maggior ribasso! Anni addietro gli appalti venivano affidati col sistema della media mediata; si riducono così le probabilità di una incompleta esecuzione dell'opera per mancanza di soldi. Un tecnico capisce queste cose, i politici invece......

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
I commenti sono limitati ad un massimo di 500 caratteri.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.
Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Tag

nones da cles :

Sono un insegnante, e spesso ho visto nella scuola pubblica la dittatura delle idee "amorali"...

22-07-2014 20:21
trentin da trent :

Vorrei chiedere a molti cosa significa contratto scaduto e non contratto risolto! Poi vorrei...

22-07-2014 20:16
F. :

Teneri......

22-07-2014 20:07
Gianni3 :

35 mi pare un numero risibile e sicuramente non veritiero! . credo anche che molte prostitute...

22-07-2014 20:07
Mamma e insegnante :

Come volevasi dimostrare: una domanda sul comportamento sessuale è del tutto fuori luogo all'...

22-07-2014 20:04