Grillo-Bersani, è subito scontro

«Zombie». Insomma, «non morto, ma quasi». All'indomani dei ballottaggi, il comico-leader del Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo, se la ride del «cantar vittoria» del segretario del Pd Pieluigi Bersani. E rispedisce al mittente il suo invito a un confronto sui temi del lavoro: «Provi prima a lavorare - lo sbeffeggia - in futuro ne avrà bisogno». Ma Bersani rilancia la sua sfida sul piano dei programmi. «Stai sereno», ribatte.
Mentre implodono Pdl e Lega e si archivia il Terzo polo, è subito scontro tra «i due vincitori» delle comunali 2012: il M5S di Grillo e il Pd. Ad accendere la scintilla con Grillo è il bilancio tracciato da Bersani dopo i ballottaggi, che poco piace al comico. Il segretario Pd definisce quella di Parma una «non vittoria»? «Chiamate un'ambulanza per un Tso» (trattamento sanitario obbligatorio), scrive il blogger.
«Stai sereno...», gli replica il segretario del Pd. «Ora sei un capo partito anche tu e non basterà bestemmiare gli altri - è la sfida che Bersani lancia a Grillo -. Dì qualcosa di preciso per il Paese». Ma all'invito a confrontarsi sul tema del lavoro, il comico replica: «Chi ha creato disoccupazione? Il M5S o 20 anni di inciuci con il Pdl? Prima di parlare di lavoro, Bersani dovrebbe lavorare: in futuro ne avrà bisogno».
Ma per un Grillo che non dialoga, il leader del Pd trova il duo Di Pietro-Vendola, galvanizzato dalle vittorie del centrosinistra nei Comuni in cui si è presentato unito. «Dove il Pd ha voluto fare da solo è stato sconfitto», avverte Di Pietro. «Se non ora quando» rilanciare il centrosinistra?», domanda il leader di Sel.
«Subito dopo la direzione del Pd di martedì prossimo apriremo un tavolo per costruire un programma, nuove proposte e un percorso di governo», è la promessa che Di Pietro dice di aver ricevuto da Bersani. Si vince col centrosinistra, insiste Vendola, con una «proposta di cambiamento». E se si indulge in alleanze «ibride, di ogni tipo» (ad esempio con l'Udc) si dà «immagine di conservazione» e si ha «il piombo nelle ali».
Intanto, il Pdl («un vuoto in cerca d'autore», l'ha definito Bersani lunedì), si macera sul da farsi. Angelino Alfano ormai lo ripete come un mantra: «Nei prossimi giorni ci sarà una nuova offerta politica» a cui Silvio Berlusconi e il vertice del partito lavorano da tempo. Già, ma da dove ripartire? È la domanda che si pongono tutti i dirigenti. Il Cavaliere sceglie la strada ufficiale del silenzio, decide di rinviare forse a stamattina il vertice con lo stato maggiore del Pdl, e si prepara a partecipare a Bruxelles al summit dei leader del Ppe. Un'occasione, alla vigilia del Consiglio europeo straordinario in programma sempre oggi nella capitale belga, per far sentire la sua voce sui temi europei e ribadire la sua contrarietà all'atteggiamento rigorista tenuto dalla Germania.
Chi invece pare poter fare scelte clamorose è la Lega 2.0 di Roberto Maroni. Che, archiviati i disastrosi ballottaggi (sette comuni su sette persi), è tentato dall'idea di giocare il tutto per tutto per rilanciare e ricompattare il movimento: ossia, disertare le elezioni politiche.
Un'idea, più che un piano, di cui nel movimento si parla da tempo. Il crollo alle comunali, però, potrebbe aver anticipato i tempi. La fase due, infatti, può passare attraverso la scelta drastica e sofferta di non presentarsi al Parlamento di Roma per concentrarsi sul Nord. In ogni caso, si tratta di una operazione che ovviamente deve prima ottenere il via libera del congresso.
Matteo Salvini, maroniano di ferro, l'ha descritta come una ipotesi realistica. Ieri notte Maroni, su Facebook, è sembrato accennarvi: «Le sconfitte - ha scritto - sono lezioni da imparare per correggere gli errori ed eliminare le zavorre». Ma quali zavorre? Forse, una interna riferita ai protagonisti degli scandali sui fondi di partito; e una esterna, il governo di Roma che per i leghisti impedisce al Nord di decollare.
Ma l'ex ministro deve fare i conti con le divisioni interne, ieri riesplose dopo che il sindaco Flavio Tosi ha messo nuovamente in dubbio l'opportunità che Umberto Bossi rivesta la carica di presidente onorario. Molti senatori del Carroccio (tra cui Roberto Castelli) gli sono saltati addosso al grido: «Non si permetta di giudicare».
Ma il governatore veneto Luca Zaia avverte: «Non dobbiamo mettere il futuro italiano in mano alle cordate per le segreterie politiche, o Grillo continuerà a fare en-plein».

14 commenti

Come Bossi quando e' nata la LEGA, GRILLO ha' preso molti voti di PROTESTA,Speriamo che seguano i fatti dopo le parole , ma io dei POLITICI CHE FANNO I COMICI-BUFFONI e COMICI che FANNO i POLITICI nutro poca fiducia

Franco.B di Trento

Tanto per cominciare si inizia litigando fin qui nulla di nuovo sotto il sole.

Chi vivrà vedrà. Tra comici, giullari, nani e ballerine forse cambierà qualche cosa. Dopo le chiacchiere, ora devono seguire i fatti. Staremo a vedere; io dò la fiducia e spero non sia tradita.

Arridatece Berlusconiiiiiiii !!!!!!

Quando i grillini dovranno passare ai fatti vedremo cosa sapranno fare, però quando si andrà alle politiche una cosa positiva accadrà sicuramente: una bella pulizia in Parlamento.

forza Beppe...l'invito é rivolto a tutti noi per rinnovare attraverso il Movimento 5Stelle, la politica e toglierli definitivamente quella patina untuosa e viscida di corruzzione,poltronismo,opportunismo,carrierismo,... massimo due mandati,fedina penale immacolata, candidato scelto dagli elettori,e non da conclavi che puzzano di malaffare!, abolizione del finanziamento pubblico ai partiti,..e molto altro ancora!

dato che i soliti partiti non faranno nulla di nulla da qui alle prossime elezioni politiche, credo che ne succederanno delle belle l'anno prossimo...per ora tra grillo e bersani non c'è paragone, stravince grillo

Lo abbiamo avuto per 20 anni(complimenti ancora a chi lo ha votato), Grillo a confronto è un grande statista: le proposte di legge popolare le aveva portate al Parlamento, i politici se ne sono fregati..e poi si stupiscono che la gente non li vota più!!
P.s:molto interessante anche la Val Susa:nei 2 comuni che votavano sono stati eletti gli unici 2 candidati notav(ad Avigliana Pd e Pdl correvano pure assieme)!!ahah dove è chi diceva che il POPOLINO vuole la Tav?ahahahah

Mi sa tanto una riedizione da seconda repubblica del Partito dell' uomo qualunque.
Prende voti, ora vedremo si i grillini sono capaci veramente a fare qualcosa nei comuni dove sono stati eletti oppure continuano a fare fanfaronate. Che Grillo è un comico ma ci sono tante altre persone che fanno parte del movimento e qui sta la vera incognita!....

..parole "sante" , deve finire l'era degli " zombi e brontosauri della politica " super aggrappati alla poltrona e al potere , vedi il cavaliere che vuole fondare l' ennesimo partito a 74 anni , andate ai giardinetti e lasciate spazio ai giovani il futuro è nelle loro mani...

per grillo è finito il tempo delle parole e inizia quello del fare. In genere qui casca l'asino. Si è visto ormai fin troppe volte.

più i politici discutono con grillo e più ne escono con le ossa rotte. Per il semplice fatto che hanno perso completamente la credibilità e la faccia.
Cose che non si recuperano dall'oggi al domani, con buona pace dei media e dei giornali pro-politicanti e pro-sistema.
Manco i fessi ora credono che Grillo governerebbe peggio di quanto hanno fatto per decenni gli attuali politici.

Via Bersani! Perché non vuole le primarie? Voglio RENZI attuale sindaco di Firenze al suo posto!

e' stato uno dei capifila della lotta al berlusconismo. Questo mentre il PD non aveva le p..le per fare una opposizione dura. Nemmeno nei momenti di debolezza del cavaliere di Arcore. Grillo merita quindi tutto il nostro rispetto e riconoscenza. Stia solo attento a non sparare troppe c...zate sull'onda dell'euforia. La gente che lo segue ha il cervello a posto e potrebbe cambiare idea su di lui.

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
I commenti sono limitati ad un massimo di 500 caratteri.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.
Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Tag

Non ne abbiamo mai abbastanza... :

La tratta A22 Modena-Brennero non offre sufficienti opportunità commerciali lungo il suo...

01-08-2014 21:19
Nilo :

Ero quasi preoccupato per la salute di "H T", un suo intervento senza la parola "Germania" non s...

01-08-2014 21:13
attilio :

Complimenti e bravi 5 stelle,i parassiti demordono e fan di tutto per essere totalmente...

01-08-2014 21:11
attilio :

Tutto diventa precario e l'Autonomia se ne va....Non so cosa facciano al senato i nostri,da...

01-08-2014 21:04
Dj Garzia :

5. Stelle siete fuori moda ormai i tempi sono cambiati la prof Bottamedi lo ha capito in tempo...

01-08-2014 20:58