Cedis commissariato  Revisori: troppi debiti

PAT_piazza_2855781.jpg

TRENTO - Decisione straordinaria della giunta provinciale convocata ieri di buon mattino in seduta straordinaria: il Cedis, il Consorzio elettrico di Storo è commissariato. Esonerato il consiglio di amministrazione, a guidare il Consorzio sarà Maurizio Postal , presidente dell'Ordine dei commercialisti del Trentino, affiancato da un vicecommissario, Dario Ravagni , direttore del Ceis, il Consorzio elettrico di Stenico.


Decisione inaspettata quanto clamorosa. «La giunta provinciale» è la comunicazione ufficiale «ha preso atto delle richiesta della Divisione vigilanza della Federazione Trentina della Cooperazione, formulata dalla stessa in sede di revisione cooperativa biennale, nei confronti del Consorzio elettrico (Cedis) di Storo, società cooperativa». La nota aggiunge che il commissario ed il vicecommissario «provvederanno al compimento degli atti amministrativi di ordinaria e straordinaria amministrazione, tenendo conto che per i secondi dovrà essere acquisita la preventiva autorizzazione da parte del dirigente del Servizio commercio e cooperazione ella Provincia autonoma di Trento».


Neanche una riga sulle ragioni del commissariamento. Solo la semplice «presa d'atto» della relazione dei revisori della Federazione. E da quest'ultima, dal presidente Diego Schelfi , poche righe per dire che «la richiesta di commissariamento è stata formulata per tutelare i soci e garantire la continuità aziendale di una cooperativa con una importante storia imprenditoriale alle spalle e fortemente radicata sul suo territorio». Punto.
Nelle recenti preassemblee di zona, in vista dell'assemblea generale convocata per venerdì prossimo - ma che a questo punto sarà probabilmente rinviata dagli stessi soci, anche perché il commissario Postal è in questi giorni nel New England e rientrerà in Trentino domenica - il presidente del Cedis, l'ingegner Mauro Ferretti ha ribadito, proponendo ai soci il discusso "Progetto E-Cedis", cioè la trasformazione della srl che si occupa di fotovoltaico in una società per azioni in cui conferire il patrimonio del Consorzio (progetto che ha portato alle dimissioni di Caterina Zocchi dal comitato di controllo e alla creazione di un comitato soci di difesa del Consorzio), la solidità patrimoniale della cooperativa.
Bilanci in utile, ma non basta.

 

Tutto sull'Adige cartaceo

72 commenti

renato rossi??? buuuuuu
"la volpe che non arriva all'uva dice che è acerba"!

popolo bue..........tra poco ci daranno da bere olio di ricino e diremo pure che non è male....

guardiamo cosa era prima il cedis, e quardiamolo adesso.. e poi si vocifera che questo cda è inadeguato a questa cooperativa? qui se c'e inadeguatezza si puo' dare alla famiglia ccop, o alla regione, che non sanno gestire gli affari della gente ma solo i loro affari individualistici e partitocratici, riuscite a guardare in faccia alla realtà una volta ogni tanto? o avete sempre interessi politici di parte??

ossuvvia smettetela di beelare e ruggite se ci riuscite una volta ogni tanto, questo non è un paese per vecchi.
predete di esempio lavis e guardate come l'hanno conciata i commissari e la regione e poi in caso si puo' discuterne di come questa strumentalizazione di commissarrimento è uno strumento a piacere per distruggere i personaggi fuori dall' gregge, forse è ora di tornare alla legalità, qui non c'e più posto per questi sistemi da mafiosi

la vogliamo mettere sull' piano di spirito cooperativistico, cosa dire della famiglia cooperativa?il presidente non si è buttato in politica eppure ha accumulato oltre 400 mila eur di debiti,e chissà perche' non è stata commissarriata
questo è il vero spirito delle ccoperative che intendi,un azienda sana si commissaria, una marcia si premio e si danno pure dei soldi (promocoop) ora capisco perchè in italia siamo tutti sottovisluppati,e poi ci scandalizziamo se in trentino gridiamo mafia??

senza questo presidente saremmo fermi ancora all' doppino adsl rendetevi conto, storo è' stata la prima zona coperta dalle fibre e se abbiamo la rete veloce di certo non dobbiamo ringrazziare la regione, chi parla male è perchè ovviamente ha interessi di parte (politici ovviamente)come vuoi far credere, non ha tradito lo spirito cooperativo, ma bensi' ha cercato di rafforzarlo, ma purtroppo è dura giocare a scacchi contro la regione, specialmente quando hanno tutte le pedine piazzate

allora se la scusante di questo commissarriamento è la mancanza di liquidità perche non mettiamo sotto commissarriamento anche tutte le banche italiane? perche si fa lo stesso ragionamento, questo presidente ha fatto crescere questo cedis, di certo no nlo ha mandato in fallimento, come lo stanno mandando in fallimento chi ha attuato questo piano, ovvero ugo fantozzi &company, questi non sono debiti, ma si chiamano invetimenti e si ripagano da soli, quindi non travisiamo

Sono d’accordo che ci sia anche un problema politico. Ma non ho chiesto io, socio del consorzio elettrico, al presidente di buttarsi in politica e candidarsi in provincia, in comunità di valle e in comune. Da quel momento ha esposto e indebolito il Cedis e di fatto diviso i soci (o con lui o contro di lui), tradendo il vero spirito cooperativistico.

Come dici tu la situazione del Cedis è diversa rispetto a quanto successo per la Cassa Rurale di Storo. Ho solo detto che in un bilancio non ci si deve fermare a guardare gli utili, ora come allora positivi. L’indebitamento del Cedis è pauroso (2,2 milioni in più rispetto all’anno precedente, ovvero il 25% in più in un solo anno), ma il vero problema è la mancanza di liquidità. In una situazione simile fare ulteriori investimenti diventa pericoloso.

che questo commissariamento sia una bufala ormai lo sanno pure i muri.
è chiaro come il sole che questo è soltanto un attacco politico, e come socio mi sentiranno in assemblea, io mi rifiuto che la regione e la politica porti allo sfascio l'unica cosa buona e che frutta a noi soci rimasta a storo.
la gente deve sapere la verità di quello che sta succedendo a storo ed è ora che si svegli

non travisare, e non mettere sullo stesso piano il cedis con la cassa rurale, e conosci la storia prima di fare sentenze, la cassa rurare se ben ricordi è stata commissariata perche qualc'uno usava il denaro dei correntisti per giocare in borsa senza che loro lo potevano sapere, e si è bruciato più di un miliardo di lire, quindi diciamo le cose come stanno se sei onesto

diego schelfi e panizza in una nota disse anche che non c'erano spese per questo commissariamento da parte dei soci, non è assolutamente così perchè provvedimento del Dirigente del Servizio commercio e cooperazione e che il
compenso e le spese per la gestione commissariale sono da intendere a carico della
società cooperativa oggetto di commissariamento.
e da qui incominciamo con la prima balla
quante balle usciranno ancora prima che si chiuda questo fasullo commissariamento?

quale è la flebile linea che passa tra definire debito e investimento!!!
è che descrivere debito fa scalpore, descrivere investimento non farebbe scalpore specialmente se si deve commissaraire e si deve far colare a picco questa azienda per portarla nelle mani della politica trentina...
voi che non sapete tacete!!

Il problema è che quando una azienda funziona e nessuno ci mangia sopra bisogna fermarla perchè non porterebbe profitti ai nosti vertici politici. Vergognatevi!!!!

ci sono due pesi e due misure... quelle asservili alla Federazione ... vanno bene e chi va contro la FEDERAZIONE sono da commissariare....

forse il tutto per la futura votazione del quarto mandato a SCHELFI ... ??

in questo periodo la maggior parte oltre il 90 % delle cooperative trentine hanno un notevole indebitamento... a partire dalle casse rurali alle cooperative di consumo, alle cooperative agricole... per i grossi investimenti fatti...

COME MAI LA FEDERAZIONE NON DICHIARA CHE TUTTE DEBBONO ESSERE COMMISSARIATE ?

in questo periodo la maggior parte oltre il 90 % delle cooperative trentine hanno un notevole indebitamento... a partire dalle casse rurali alle cooperative di consumo, alle cooperative agricole... per i grossi investimenti fatti...

COME MAI LA FEDERAZIONE NON DICHIARA CHE TUTTE DEBBONO ESSERE COMMISSARIATE ?

....ma cosa state cercando ? Risposte ? E allora alzate la mano e chiedetele ad enti ufficiale che hanno commissariato, chiedetele a gran voce altrimenti, il detto veritiero che si fa prima a metterla in quel posto si presenta come l'ennesima prossima realtà e sappiate che nessuno lo dovrebbe meritare !

....è proprio vero che se esistono i detti .... Cari soci, dovreste chiedere spiegazioni certe scritte e motivate, alzando la mano ed opporvi, non accettate 4 chiacchiere da bar e 2 righe di giornale..ma cosa state cercando ? Risposte ?

l'indebitamento non significa fallimento a fronte di regolare assolvimento degli impegni presi.

ragionamento stupido

una famiglia si indebita con un mutuo per la casa e paga lo stesso con il reddito .

lo stesso fanno le società... si impegnato e pagano con il reddito.

se dai bilanci risulta che il reddito ha permesso di pagare le quote dei debiti ed è rimasto anche l'utile di circa 500.000 euro... quale è il problema ??? l'indebitamento ???

hanno deciso dall'alto... vergogna

l'indebitamento non significa fallimento a fronte di regolare assolvimento degli impegni presi.

ragionamento stupido

una famiglia si indebita con un mutuo per la casa e paga lo stesso con il reddito .

lo stesso fanno le società... si impegnato e pagano con il reddito.

se dai bilanci risulta che il reddito ha permesso di pagare le quote dei debiti ed è rimasto anche l'utile di circa 500.000 euro... quale è il problema ??? l'indebitamento ???

hanno deciso dall'alto... vergogna

Sergio Divina senatore della Lega? Mi auguro un omonimo ma se cosi' non fosse le ricordo che qui almeno il bilancio e' stato controllato da un organo di vigilanza che si e' accorto delle irregolarita'. Se qualcuno avesse controllato con scrupolo i bilanci del suo partito forse si sarebbe accorto dove finivano i soldi... ma se a quel qualcuno bastava sapere che il bilancio era in utile allora capisco perche' per anni non si sia accorto di nulla.

perche per lo stesso discorso non è stata commissariata anche la famiglia cooperativa? e si che ha oltre 400 mila euro di debito, eppure tutto tace, la promocoop ha dato 1000000 di euro per consolidamento debiti, come mai? la promocoop dovrebbe stanziare denaro per ampliamento e investimenti,e non per consolidamento debiti, ora chiedetevi perche cedis ssi e familgia coop no? è ovvio la cedis e mauro ,non fanno parte dell gregge politico di trento

Un conto è l’utile e un conto l’indebitamento. Il primo è di 500 mila euro e il secondo di 18 milioni di euro. Non ci vuole un genio per capire che qualcosa non va. Ricordo che anche la cassa rurale di Storo era in utile a fronte di un buco di 18 miliardi di lire. Se poi la Federazione ha capito che è meglio intervenire prima che la situazione precipiti, ben venga. Forse si evita il ripetersi di situazioni fallimentari successe in passato.

saranno gli amministratori a fare opposizione, non i soci, saranno gli amministratori a dimostrare di aver operato bene e ancora che l'esposizione di 18 milioni non sia un problema rispetto al patrimonio di 9.
Il Commissariamento è previsto in specifici casi, se vi è abuso vi sarà risarcimento danni. Il fatto è che l'utile in bilancio non prova nulla (la Grecia ce lo dimostra)

l'articolo on-line finisce con "bilanci in utile, ma non basta". Quindi il commissariamento è in realtà un esproprio fatto da trento verso un cedis considerato non allineato. Altro che debiti, visto che si parla di utile poi.

Gli storesi (i soliti, non tutti per fortuna) hanno buttato alle ortiche il caseificio, poi la cassa rurale e ora con il commissariamento da loro richiesto stanno cercando di fare lo stesso con il consorzio.
Spero venga presto chiarito tutto e che l'attuale consiglio possa tornare a lavorare come ha già fatto in questi ultimi anni portando il CEdiS all'eccellenza.

INVITO I SOCI A FARE OPPOSIZIONE AL COMMISSARIAMENTO E DENUNCIARE PER ABUSO DI POTERE LA FEDERAZIONE TRENTINA .

Il guaio del Cedis è che funzionava.
Funzionava, erogava servizi buoni a costi bassi, ma non era allineato al "sistema provincia".
Utili dimostrabili........ma allora.
Due cantine sociali hanno fatto buchi enormi, un caseificio (Fiavé) obbligherà la Provincia a coprire 40 milioni di € di debiti, ma stranamente nessuno chiede nulla a quegli amministratori.
Il Cedis in attivo viene commissariato! Ma che stranezza!
Che Dellai e Schelfii sappiano qualcosa?

Le fibre ottiche sono bellissime , peccato che giganti come Fastweb siano andati in difficoltà proprio perchè richiedono ingenti e continui investimenti .
Sinceramente credo che il management sia inadatto e quindi trovo giusta la decisione della federazione di commissariare. Queste sono valutazioni non di parte , come invece mi sembra di leggere nei post precedenti.
Buona giornata
Sara

La verità sta tutta nell analisi di bilancio , se facciamo ammortamenti a 40 anni gli utili arrivano, ma la situazione debitoria è comunque grave.
Gli ultimi investimenti, come il grande impianto fotovoltaico sono stati messi in opera con un businnes plan catastrofico e infatti non generano utili (sarebbe da approfondire il costo di quest'impianti rispetto a impianti privati, per accertarsi che nessuno ci abbia lucrato sopra ).

Manca democrazia nel CEDIS? Non piacevano le nuove idee del CdA (E-Cedis Spa ed estensione del mandato degli amministratori)? Bastava votare contro, no?
In realtà credo che per know how e capacità di innovare, il CEDIS facesse e faccia gola a tanti... anche a livello di Giunta provinciale.
Mi mancano troppi elementi per valutare questa storia, ma nell'insieme la 'storia' mi puzza un po'... tanto!

È solo grazie al CEDIS e alla lungimiranza dei sui amministratori che noi che abitiamo in una zona decentrata abbiamo potuto avere una tecnologia (fibra ottica) che solo nei centri delle grandi città e a ben atri prezzi possono permettersi. Noi che, stando alla volontà delle grandi imprese nazionali, saremmo stati condannati ad essere sempre l'ultima ruota del carro, grazie al CEDIS possiamo, una volta tanto, guardare gli altri dall'alto in basso.

rispondo ada elx:
cosa fai con 549.000 euro di utile se devi rimborsare 3.000.000 di euro ai soci ????? fammelo sapere

Sempre più difficile scorgere qualche differenze tra la malavita organizzata e il governo del politicantato trentino.

La Cooperazione,tutta la Cooperazione sta tradendo i principi di don Guetti,utilizzato di solito per le solite manfrine!!!Tutti al ventennio come carica,altro che un anno come prevedeva don Guetti per dare l'opportunità di operare a TUTTI i cittadini soci!!!!leggetevi il libro di don Farina grandi operatori cooperativisti!!!!!Si sta razzolando molto male signor Schelfi!!!!

Rispondo all'ennesimo Socio.......
per fortuna ci sono ancora persone che credono in quello che è avvevuto .........

Come gestire ed innovare il consorzio spetta ai soci e ai loro rappresentanti. Che pochi contrari decidano di intraprendere una iniziativa di questo genere solo perche' appoggiati dai poteri forti ed azzerino di fatto cosi' il potere decisionale dei soci, non mi sembra per niente democratico.

Il CEdiS e' sempre stato molto attivo ed intraprendente. Con Ferretti & co. ha iniziato un processo di diversificazione dell'attivita' molto importante che ha ovviamente richiesto elevati investimenti che ora stanno dando i loro frutti.

Chi scrive sotto non sembra aver partecipato alle assemblee/preassemblee in questi ultimi anni. Sembra piuttosto aver letto unicamente l'articolo sopra e aver tratto da questo le sue conclusioni.
E' meglio che vi informiate prima di parlare o scrivere inutilmente.

Gli storesi (i soliti, non tutti per fortuna) hanno buttato alle ortiche il caseificio, poi la cassa rurale e ora con il commissariamento da loro richiesto stanno cercando di fare lo stesso con il consorzio.
Spero venga presto chiarito tutto e che l'attuale consiglio possa tornare a lavorare come ha fatto in questi ultimi anni portando il CEdiS all'eccellenza.

x forza cedis
mi sa che sei tu l'inadatto, senza l'attuale presidente, non avresti nemmeno il telfono in casa quindi per favore chiudi la ciabatta che fai un favore a tutti.
a portato fibre, tv via cavo wi-fi e sconti ad ogni socio, e in più è in attivo di 549 mila euro, e dici che è in adatto? il tuo cervello è inadatto con il tuo corpo

secondo me questi vigilanti, hanno scambiato cedis con la famiglia cooperativa di storo.
il cedis è in attivo di 549.000,00 euro mentre la familgia cooperativa a conti in rosso di oltre 400.000,00 mila eur, strano che quella in attivo venga commissariata e quella in debito invece no!! potere della giunta dellai!!!

volete sapere il cavillo per questo commissariamento???
il pretesto è mancanza di liquidità in caso i soci volessero indietro i loro fondi dei soci... vi rendete conto? con questo pretesto hanno commissariato una coop che a un utile di 549.000,00 mila euro.
se questo è il pretesto allora bisognerebbe commissariare tutte le banche italiane.
inutile dirlo questo è solo un attacco politico. pr screditare e per fare passare il cedis all patt

Bene il commissario, gli attuali amministratori si sono dimostrati inadatti. Quello che si stava attuando (cambio dello statuto ad uso del presidente e rielezione automatica dei consiglieri uscenti) lo definirei un gesto arrogante e irrispettoso nei confronti di una societa' con cento anni di storia.

come sempre le verità vengono sempre censurate

ma quante str che scrivete, ma informatevi prima di sbraitare a vanvera.
almeno sapete con quale banale pretesto è stato commissariato? no!! su questo articolo viene menzionato troppi debiti!!! ma se ha un tile di 549 mila euro? come fa ad avere debiti?? spiegatemi questa cosa..non ciacerate tanto per ciancerare

basta pensare che hanno convocato un CDA d'urgenza solo per liquidare i soldi a Presidente, Vice e Revisore dei Conti (poteva farlo anche il Commissario) e affidare un incarico da 200.000 a chi volevano loro... alla faccia della correttezza !

@ as: non so chi fosse a capo del Cedis - fai il nome, se sei così a conoscenza dei fatti - ma se vuoi posso azzardare a dirti quale carica andrà a ricoprire Dellai alla fine del suo probabile 4° mandato. E sarà molto ben remunerato. Questo è il carrozzone che deve finire, ma se non lo vuoi capire, sei anche tu un cattocomunista che ha sempre votato e voluto questo andazzo! Tienitelo: è tuo!

come si fa a nominare vice commissario il direttore del consorzio elettrico di stenico? c'é qualcosa che non quadra..

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
I commenti sono limitati ad un massimo di 500 caratteri.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.
Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Tag

TPK :

E quindi?
Tanto fino a che non avranno il 51% non combineranno mai niente.

23-04-2014 17:17
manzetto :

@ kirone ..eccone un altro da bar. Che centra il maso chiuso, è un altra cosa; magari ci fosse...

23-04-2014 17:16
Albino Guzzi :

Dovevano fare le riprese al lago di Tenno, un piccolo gioiello turchese. Il lago di Ledro è...

23-04-2014 17:05
Nic :

Dal titolo pensavo alla solita ridicola tirata contro le previsioni meteo..
Invece nell'...

23-04-2014 17:04
kirone :

E' veramente da "crucki" e da maso chiuso impedire di terminare in territorio trentino per 18...

23-04-2014 17:03
 

 

 

 

 

Seleziona la provincia
Seleziona la tipologia