Comunali stressati dal troppo lavoro

ROVERETO - I quasi 500 dipendenti comunali sono stressati dal troppo lavoro e dalla mancanza di gratificazione. Anche se ritengono di essere assolutamente utili per la città e i cittadini-utenti. Questa, però, è solo una media delle 67 risposte al questionario sul «benessere organizzativo», un'indagine interna a palazzo Pretorio basata su documenti ministeriali che a Roma chiamano «Kit del benessere», a cui, facoltativamente, hanno risposto 457 lavoratori dell'ente pubblico su 494, il 92,5%.


Se allo sportello piuttosto che in cantiere, davanti al pc o in strada, le persone a libro paga del Comune si sentono stressate, elogiano però altre impostazioni, a cominciare dal rapporto con i dirigenti. Le positività segnalate, infatti, riguardano la grande motivazione e la collaborazione che, a detta di tutti, funziona a meraviglia. Non solo: tra i punti di forza del lavoro in municipio ci sono l'efficienza organizzativa, la sicurezza nell'ambiente professionale e il comfort. Con i superiori, poi, i sottoposti si sentono ben supportati.
Non mancano, ovviamente, le criticità: su tutte la sensazione di scarsa valorizzazione o incentivazione.
Per quanto riguarda lo stress, invece, i dipendenti pubblici si sentono assorbiti totalmente dal lavoro e avvertono difficoltà da parte dell'amministrazione a sviluppare competenze innovative. In generale, comunque, c'è soddisfazione. E, soprattutto, si ha un'elevata consapevolezza della propria «mission»: essere al servizio della comunità.


Nell'indagine realizzata dal Comune di Rovereto sono stati presi in considerazione dodici fattori: supporto dei dirigenti, collaborazione fra i colleghi, efficienza ed equità organizzativa, gestione della conflittualità, percezione dello stress, richiesta lavorativa, comfort ambientale, sicurezza lavorativa, apertura all'innovazione, soddisfazione, disturbi psicofisici.
Entrando nello specifico, a Palazzo c'è un'ottima illuminazione ma pure una temperatura accettabile e pulizia. Ma a tenere botta è la collaborazione fra colleghi, propensi al lavoro di gruppo.
I dipendenti pubblici, come detto, sono convinti che l'organizzazione comunale realizza servizi utili alla comunità. «In questa risposta - commentano in coro il sindaco Andrea Miorandi e il capo del personale Mauro Viesi - c'è tutto il senso dell'appartenere a un ente pubblico, non orientato al profitto ma al bene dei cittadini. Siamo un Comune in cui il dialogo fra uffici e servizi diversi appare decisamente buono. E abbiamo anche appreso "al termine della giornata di lavoro ci si sente soddisfatti"».


Ma lo stress da cosa deriva, allora? Forse dall'eccessiva richiesta lavorativa. I comunali ritengono infatti di essere chiamati a una «diretta responsabilità del lavoro», il che comporta una certa «fatica mentale» con sovraccarico emotivo oltre che di mansione. A questo va aggiunta una certa rigidità nelle norme e nelle procedure. La fatica fisica invece è indicata al valore più basso anche se fra i disturbi piscofisici più evidenziati ci sono senso di eccessivo affaticamento, ansia, dolori muscolari e articolari. Per contro, c'è grande «voglia di andare al lavoro» seguita dalla soddisfazione per le relazioni personali che si è riusciti a costruire in municipio. E, non da ultimo, soddisfazione del giusto equilibrio fra impegno professionale e tempo libero.
«Questi dati, già consegnati ai sindacati, ci serviranno per migliorare l'ambiente di lavoro e offrire quindi ai cittadini un servizio migliore».

39 commenti

Ora saluto tutti gli amici di questo forum di discussione.
Ho degli impegni e devo darmi da fare, perchè a me mamma Stato/Provincia non passa alcuna sovvenzione.

Ottima proposta, Maurob.
Per i dipendenti pubblici la soluzione è un contratto a tempo determinato, con incentivi per chi lavora seriamente e l'interruzione del rapporto di lavoro per i fannulloni.
Vedremmo in pochi mesi un miglioramento sorprendente dell'efficienza e lo stress degli statali diminuirebbe, perchè chi lavora seriamente viene gratificato dall'esterno (sia dai capi che dagli utenti) e si sente in pace con la propria coscienza.
LA CATTIVA COSCIENZA CREA STRESS

Provate a mettervi in ascolto nelle vicinanze della postazione di lavoro di qualche dipendente pubblico e verificate quanto del loro tempo è effettivamente dedicato al lavoro e quanto "allo svago". Avrete delle brutte sorprese.
Le postazioni di portineria sono un luogo privilegiato per questo tipo di indagine, soprattutto se in uno stessso ufficio ci sono ben TRE USCIERI (a Trento ci sono, basta aprire gli occhi).

Per quello i lavora polito ma i vol tutti diventar direttori ,per comandar ,siccome i fa fa diga a ubbidir ,allora i se sente sgaorai ,eh cari fiori non se pol miga aver TUT da la vita ,
Comandere, quando el vecio l.' e' mort i diseva stiano
Per enfant udir e zito

@ Lorenzo Lavis
Sicuramente non sono solo i comunali stressati, lo sarà di certo anche chi lavora nel privato. I test sono uno strumento usato dai datori di lavoro per conoscere le problematiche dei loro dipendenti ed intervenire su eventuali storture, quindi saranno somministrati anche nel privato. La differenza è che i titolari di un'azienda o di uno studio di professionisti non rendono pubblici i risultati, quindi non si conoscono.

@Lorenzo Lavis
Semplice: perchè dalle altre parti non hanno il coraggio di propinare un test simile! Nel privato si va avanti a colpi di ... fuori busta ... se te sei simpatico al parom ....

@Comunale
Sarà pure colpa del test, ma in altro un comune con cui ho a che fare mi sento ripetere cose analoghe: troppo lavoro e troppe responsabilità. Il punto però è un altro: ovunque si lavora e si hanno responsabilità, quindi perché solo i comunali sono stressati?

non ce più’ religione!!!! ma se sono stressati i comunali..... il 90% di noi dovrebbe suicidarsi e non sto scherzando!!!!!!! che si trovano un lavoro più’ easy e gratificante e lascino questo lavoro così’ faticoso ai giovani disoccupati o cinquantenni senza lavoro ecc. ma cari i miei comunali pensate come siete fortunati e vedete i lato positivo della faccende ..gia’ questo e una buona medicina per la vostra “malattia"

Sono uno di quelli che riposa secondo voi al Comune,non voglio difendere nessuno,ma letto l'articolo e il titolo fatto apposta per irritare le persone che lo leggono,il titolo sarebbe stato un altro"Comunali Conigli" quel test non rispecchia assolutamente la situazione che realmente esiste dentro il palazzo
ma come detto nel titolo non hanno fatto il test con sincerità come del resto sono dentro il palazzo falsi e ipocriti

Semplicemente vergognoso! In un periodo come questo certe cose non dovrebbero nemmeno passare per idea! Troppi soldi troppa libertà, troppi fanfaroni.soffrono? Bene, a casa a curarsi ed assumere giovani magari più capaci e meno .......stressati!

basterebbe che cambiassero lavoro se non gli va bene, ma meno di così c'è la pensione.

Vergognarsi sarebbe il minimo, ma siccome sono dei fannulloni da sempre, ora che viene richiesto un minimo di decenza lavorativa si sentono stressati.
Via tuttele tutele del posto fisso, passarli per 4 o 5 anni a tempo determinato, poi vedrete che dove ora sono in 5, 2 saranno sufficienti.

Oggi un mio amico che vive in un mini-appartamento ha ricevuto un'avviso di pagamento dal Comune di OLTRE 700 EURO, PER L'IMU. Di solito è calmo ma oggi era inferocito, perchè quasi sicuramente (lui ne capisce di contabilità) si tratta di un errore dei nostri CARI (IN SENSO ECONOMICO)DIPENDENTI COMUNALI.
Quei soldi andranno in gran parte a pagare i salari dei nostri CARI DIPENDENTI PUBBLICI.
VERGOGNA! UN MESE A LAVORARE IN UN'AZIENDA PRIVATA E NON AVRANNO PIU' LA FACCIA TOSTA DI LAMENTARSI!

vergognatevi....

vergognatevi....

Certo che ormai se ne sentono e se ne leggono di tutti i colori!!

Incredibile!! perche' invece di fare questionari sullo stress non ne misurano la produttivita' confrontandola magari con quella degli studi professionali ... Invece affidano le consulenze esterne proprio agli studi professionali....cosi' di certo il loro stress cala e le nostre tasse aumentano....

VERGOGNA!! ...

Li vedi dappertuuto,in città:in piazza o sulla via,combriccole chi con sigaretta,chi con caffè(bar o macchinetta),chi con amici incontrati oa caso o su appuntamento(tutto fà brodo purchè arrivino le 17,00)...
Non siamo ai livelli descritti dai video di "Striscia la notizia" ma poco ci manca.

saranno tutti comunisti ???????

Ma mi faccia il piacere....parafrasando Totò.
Mandiamoli in fabbrica, così si riposano.
Ridicoli e patetici.

Stressati dal troppo lavoro sono d'accordo con i dipendenti.

Ma che si vergognino e abbiano un pò di rispetto per chi lavora veramente!

ADDIRITTURA mandatene in ferie no retribuite metà assumere gente che ha bisogno del salario

Eppure io li capisco. Possibile che non si riesca a trovare un lavoro riposante per i dipendenti pubblici? lavorare va bene ma in più stancarsi è un vero scandalo...

Credo che ogni lavoro d'ufficio sia stressate dal punto di vista psico-motorio. Se il comune vuole seriamente dare esito a questi risultati sarebbe utile programmare delle pause con esercizi di straching quotidiani o di tai-chi. Io vedo rispettate molto poco anche le semplici regole per non affaticarsi gli occhi o la schiena al pc... sarebbero utili dei corsi di formazione della provincia che spieghino come comportarsi in caso di lavoro prolungato al pc.

ah ah ah ! ridicoli ! poi arriverà il solito fenomeno a difenderli, come per gli aumenti che hanno avuto tempo fà sulla busta paga. Posto di lavoro (e non lavoro) e scaldare la sedia, questo è quello che vorrebbero

poverini.........

siete stressati??

cambiate lavoro e andate sul privato che vi passa!!!!

.....Conosco molte persone che lavorano nel "settore" e la crisi la vedono solo come una crescita dei prezzi e fanno fatica a capire le preoccupazioni dei lavoratori privati; soprattutto in un periodo così è come se vivessero in un mondo parallelo.

troppo lavoro? stress ? poca gratificazione ??? Sono cose che capitano a tutti ma a differenza di chi lavora in un'azienda privata (dove si lavora almeno 40 ore alla settimana!!) loro si sono assicurati un lavoro assicurato con un buon stipendio e tutte le tutele che spettano a chi lavora nel pubblico.

il mondo sta per finire..i dipendenti comunali stressati, parliamo della categoria di lavoratori più privilegiata nella storia dell'umanità!

Non sanno cosa vuol dire, oltre che lavorare, cercare anche il lavoro! Lavorare 12/14 ore al giorno, senza poter stare a casa se non si sta bene - ma stai a casa! - E il lavoro come va avanti? Chi mi paga?. Altro che stressati!!!

Cari comunali stressati...venite in ospedale....magari dopo aver fatto qualche turno di notte.... cosi a caso .....in pronto soccorso...rianimazione...vi aspettiamo.... el bepi e el toni

...ma andate a lavorare in miniera!!!!!! Che così capite veramente cosa vuol dire LAVORARE!!!!!

E' uno stress continuo in comune, sapeste quanti ne hanno licenziati negli ultimi anni perche' avevano sbagliato qualcosa. Chiedete pure la lista, ve la stampano in un attimo (senza neanche sprecare inchiostro)

Che dire, mi fanno tenerezza, se vogliono una vita più gratificante basta che si licenzino e vadano a proporsi nel settore privato! Li si che si trovano le gratificazioni ed i privilegi....
ma fatemi il piacere non prendete in giro la gente.

500 dipendenti comunali!? Ma cosa fanno? Se ognuno, in una giornata, riesce a sistemnare una sola pratica, ripero una, non ci sarebbe lavoro arretrato. E invece... torni domani, torni dopodomani... Mah... Tono cosa diveva? E io pago!

"I comunali ritengono infatti di essere chiamati a una «diretta responsabilità del lavoro», il che comporta una certa «fatica mentale»
Ci mancherebbe, è così per tutti i lavori. Essere resposabili di ciò che si fa è un dovere civico ed è una responsabilità verso tutti, sia per chi lavora nel pubblico che nel privato.

Cosa è? una battuta?
Saranno stressati per il tanto tempo libero...

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
I commenti sono limitati ad un massimo di 500 caratteri.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.
Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Tag

democrazia :

c'è chi crede in qualcosa di serio , non pensare di avere la verità in tasca, troppi ne ho visti...

23-04-2014 19:02
'merican :

... il che riducerebbe entrambi costi e dimensioni dell'apparato burocratico. Non succedera'...

23-04-2014 19:02
rob11 :

è da anni che alle elezioni il centro sinistra è sporavvalutato e grillo sottostimato...percui...

23-04-2014 18:55
Pil :

Il sindaco Tosi non scherza: penso che quello di Trento avrebbe tanto da imparare.

23-04-2014 18:53
ermes :

possibile che a noi trentini non và mai bene niente?sempre col mus!!!

23-04-2014 18:50
 

 

 

 

 

Seleziona la provincia
Seleziona la tipologia