Solo il Not frenerà la fuga dei pazienti

Dopo aver puntato sulla creazione di nuove specialità (neurochirurgia ed ematologia per fare alcuni esempi), aver nominato primari sul territorio (soprattutto per quanto riguarda l'ortopedia) e aver deliberato provvedimenti per il contenimento delle liste d'attesa, Rossi punta al Not per vedere un reale contenimento della mobilità passiva. Per il momento, infatti, i risultati non sono stati eclatanti anche se qualche segnale positivo c'è.


«Quanto spende la Provincia per la mobilità interregionale nel settore sanitario?» - aveva chiesto in un'interrogazione il consigliere Giorgio Leonardi del Pdl.
L'assessore ha risposto dicendo che la spesa a carico del bilancio della Provincia per la mobilità sanitaria è costituita dal saldo fra la mobilità attiva e quella passiva. Saldo che nel triennio 2008- 2010 è lievemente calato, passando dai 16,785 milioni del 2008 ai 16,232 milioni del 2010. Mentre infatti la spesa per la mobilità attiva nel triennio si è sempre attestata al di sopra dei 45 milioni euro, quella per la mobilità passiva ha superato i 62 milioni di euro nel 2008 e nel 2009 ed è poi scesa nel 2010 a 61,432 milioni. In progressivo anche se lieve calo risulta il numero di ricoveri in mobilità passiva che sono stati 14.993 nel 2008, 14.812 nel 2009 e di 14.408 nel 2010.


Per l'assessore i segnali di miglioramento sono da attribuire al potenziamento del settore più critico della mobilità rappresentato dall'ortopedia, implementato con tre nuove primariati istituiti nei presidi di Cavalese, Borgo Valsugana e Tione e la partecipazione dei soggetti privati accreditati; l'aggiornamento del piano per il contenimento dei tempi di attesa, uno dei fattori maggiormente responsabili della «fuga» dei pazienti; la creazione del servizio ospedaliero provinciale con la messa in rete dei nosocomi pubblici.

 

Ultimo accorgimento per trattenere i trentini è stato l'obiettivo assegnato per il 2012 all'Azienda sanitaria perché contenga la mobilità passiva attraverso la riduzione dei tempi per la sostituzione delle articolazioni maggiori, per interventi al ginocchio, per interventi sul cristallino e di cataratta e infine per la risonanza magnetica. Proprio su questo fronte, nei giorni scorsi, l'Azienda sanitaria ha recepito con una delibera firmata dal direttore Flor, l'obiettivo della Provincia stabilendo che oltre che dover rispettare in un alta percentuale dei casi i giorni previsti dai diversi Rao per accedere ad una vista, i tempi vanno rispettati anche per alcuni esami e interventi chirurgici considerati appunto strategici.Secondo Rossi ulteriori tagli della mobilità passiva si potranno ottenere in futuro con la realizzazione del Not (Nuovo ospedale trentino), un maggiore coordinamento fra professionisti e più in generale tra ospedale e territorio con l'attivazione delle Reti cliniche previste dal nuovo regolamento organizzativo (rete cardiovascolare, rete gastroenterologia, rete ginecologica, rete trasfusionale, rete nefrologica e dialisi, Rete allergologica), lo sviluppo di sinergie con la Provincia di Bolzano e il Land Tirolo e, infine, grazie ad accordi con la Regione Veneto per specifici ambiti territoriali e o professionali.

Fino a quando per avere una diagnosi (almeno per le patologie minori) bisognerà oltre che attendere almeno un mese recarsi per lo meno 3 volte avanti e indietro PRIMA DI OTTENERE UNA RISPOSTA correndo anche il rischio che il medico assegnato MAGARI NEMMENO TI TOCCHI DURANTE LA VISITA.... ovvio che la gente NON E' STUPIDA....

Quando i medici nominati qui a Trento avranno un livello di competenze, cortesia e soprattutto di organizzazione come ad esempio nel veneto... solo allora non ci sarà bisogno di recarsi altrove....
Si cominci a CONTROLLARE: quali sono i medici che dopo aver VISITATO un paziente tale persona si è recata fuori regione? Ecco subito trovata l' incompetenza...TUTTI SANNO CHI LAVORA CON COSCENZA e chi invece....

bella cosa curare , ottima cosa prevenire.....

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
I commenti sono limitati ad un massimo di 500 caratteri.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.
Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Tag

cittàchiusa :

Conosco da molti anni il farmacista arrestato, una bravissima persona... Credo sia ancora tutto...

24-10-2014 23:19
El Zinzega :

Andate a vedere la foto che gli scattò il marito nel 2011, appena sveglia, prima di mettersi in...

24-10-2014 23:17
Sicomoro :

In Trentino basta (e avanza) un e dico un governatore, non rieleggibile, possibilmente, mochéla...

24-10-2014 22:52
El Zinzega :

Sono stati assolti per il reato di evasione fiscale, perchè la c.d. "esterovestizione" (cioè...

24-10-2014 22:34
tulliosan :

Tra le tante eredità negative dell'ex principe Lorenzo ci sono le Comunità di Valle. La fusione...

24-10-2014 22:32