Adunata degli alpini,  le parole chiave

1e36379d0d_6931721.jpgBOLZANO - La manifestazione più importante per l'Ana, si svolge ogni anno in una città diversa e vi partecipano centinaia di migliaia di alpini di ogni età. Quella di Bolzano è l'ottantacinquesima edizione. Ecco una piccola guida alla manifestazione, tramite il giochino dell'«Abc».
Alba. In gergo militare è la fine della naja.
Alfiere. È la persona che regge il Labaro, un vessillo o il gagliardetto nelle manifestazioni ufficiali.
Ammassamento. All'Adunata è il luogo in cui gli alpini attendono e si preparano per entrare nel percorso della sfilata.
Ana. Acronimo di Associazione nazionale alpini, fondata l'8 luglio 1919 a Milano. Oggi conta 375.000 soci in Italia e all'estero.
Bocia. È, in gergo, la recluta, il giovane alpino.
Cappello. È il simbolo per eccellenza del Corpo. Terminato il servizio militare, gli alpini in congedo lo indossano sempre durante le loro manifestazioni. È di feltro di pelo di coniglio ed è arricchito dal fregio frontale e dalla nappina su cui si innesta la penna, tutti e tre elementi di colore o foggia diversi, che identificano grado, reparto e specialità del militare.
Gagliardetto. Lo stendardo di colore verde e di forma rettangolare con il nome del Gruppo alpino.
Gruppi. Le Sezioni si suddividono in oltre 4400 Gruppi in Italia (oltre uno ogni due Comuni) e in 136 all'estero.
Labaro. È uno stendardo, simbolo dell'Associazione. Si fregia di 7 medaglie al valor civile e 208 medaglie d'oro al valor militare, ultima delle quali è quella assegnata lo scorso 4 maggio alla memoria del sottotenente Claudio Gigli, caduto in Afghanistan nel luglio 2010.
Motti famosi. Gli alpini amano cantare le loro canzoni pù famose ma anche recitare alcuni «motti» che sono rimasti nella storia. Tra questi «Per gli alpini non esiste l'impossibile» e «Insisti e resisti».
Mulo. Il 7 settembre 1993 a Belluno sono stati venduti all'asta gli ultimi 24 muli in forza agli alpini; così si è interrotto un sodalizio durato 130 anni.
Penna. La penna sul cappello lunga dai 23 ai 30 centimetri, è nera, di corvo, per la truppa; i sottufficiali e gli ufficiali inferiori la portano marrone, d'aquila, mentre è bianca, d'oca, per gli ufficiali superiori.
Protezione civile Ana. L'intervento in occasione del terremoto in Friuli, nel 1976, gettò le basi per la nascita della Protezione civile Ana, che, suddivisa in quattro raggruppamenti, conta oltre 14mila volontari. I volontari della Protezione civile associativa sono intervenuti in tutte le grandi emergenze, dalle varie alluvioni ai terremoti in Irpinia e in Umbria, in Abruzzo e, all'estero, in Armenia, Francia, Ossezia, Sry Lanka.
Quattro. Tanti sono le adunate nazionali ospitate dalla città di Trento: nel 1922, nel 1938, nel 1958 e nel 1987. Ora il «sogno» riguarda l'adunata del 2018, per la quale Trento ha già presentato la candidatura.
Raggruppamenti. Nell'Ana identificano una delle quattro zone geografiche in cui si suddividono le sezioni dell'Associazione.
Reduci. Sono gli alpini che hanno combattuto una guerra e sono la memoria storica vivente dell'Associazione. Nonostante l'età - sono tutti vicini ai novant'anni - partecipano con entusiasmo agli appuntamenti alpini.
Servizio d'ordine. Il Servizio d'ordine nazionale dell'Ana è composto da 200 alpini e assicura, al fianco dei volontari della Protezione civile e dell' autorità locale, il regolare svolgimento dell'Adunata. I loro compiti che vanno dall'assistenza ai posti tappa e informazioni alle manifestazioni dell'Adunata, al controllo e allo scioglimento dello sfilamento.
Sezioni. Sono 81 in Italia e 32 all'estero, dal Canada, al Sudamerica, all'Australia.
Sfilata. La domenica dell'Adunata gli alpini percorrono inquadrati e ordinati due chilometri e seicento metri, passando davanti alla tribuna delle autorità per ricevere il saluto.
Trentatrè. È l'inno degli alpini, ed è chiamato anche «Valore Alpino». Il nome «Trentatrè» deriva dal fatto che era il 33° pezzo nel repertorio delle fanfare alpine dei primi reparti.
Vecio. Termine, spesso scherzoso, con cui gli alpini chiamano i più vecchi tra le penne nere. È l'opposto di bocia, il giovane alpino.
Vessillo. È uno stendardo di colore verde e di forma rettangolare che reca il nome della sezione e si fregia delle medaglie d'oro dei decorati appartenenti alla sezione.

19 commenti

so solo una cosa.
io ho gli avi prussiani, quindi IO sono molto meglio degli "aspiranti tirolesi", ma ringrazio gli alpini. e tanto.
ringrazio i "nuvola" per quello che fanno.
e a chi non stanno bene, né alpini né italiani, chissenefrega, ingoiate e zitti. senza l'Italia, l'alto adige sarebbe come l'egitto, capirai che roba. ah ah ah.

di sicuro, come le balle che racconti. Non esiste toponomastica tedesca, c'è solo quella italiana in Trentino. Inventatevi anche questa, ridicoli e patetici che siete! Godo solo a vedervi rodere il fegato per l'entusiasmo che tutti i trentini hanno per i loro veri simboli storici e territoriali, tricolore in primis.Vai a fare gratis le calze agli Schutzen tirolesi piuttosto di usare i soldi italico-trentini!

trentino fa rima con Trient

Veniamo da TUTTO il Trentino!!! Alpino fa rima con Trentino!!!!

Per quanto riguarda l'inno TRENTATRE, avevo sempre saputo che trentatre si riferiva alle battute (musicali)al minuto. Difatti è una marcia molto lenta .
Ne ho imparata un' altra.

@ Gabriele da Stumiaga. Varda che nisun el ghe l'ha domanda, ai taliani, de venir a librarne... Figurarse!

Se gli alpini ci hanno consegnato a questo stato sgangherato dobbiamo proprio ringraziarli.

Commento precedente per gabriele da stumiaga

UBRIACARSI.
Ecco l' esempio per i giovani!

Bepi, lo sai perchè dobbiamo festeggiarli ? Perchè ci hanno liberato per sempre dagli Austriaci, A PREZZO DI SOFFERENZE ATROCI, e per questo mai l' Alto Adige tornerà austriaco.

L'adunata degli Alpini a Bolzano è anche un'opportunità economica per l'intero Alto Adige. Non solo un'occasione per molti di loro, per rivedere i luoghi dove hanno fatto la naja, ma anche per reclamizzare una splendida regione, che merita di essere conosciuta da tanti turisti.

Parola chiave: Bever pù che sè pol.

Premetto che non sono alpino,ma criticare i Nuvola mi sembra ingeneroso.Dove sono andati nelle calamità naturali hanno sempre fatto ottima figura.Sono vigile del fuoco a parte non avere l'atrezzatura se avessero dato l'incarico ai pompieri ci sarebbe comunque da ridire.Di solito i commenti negativi e i pregiudizi sono espressione di chi non hà mai dedicato un ora per la comunità.

W GLI ALPINI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Non capisco perché dobbiamo festeggiarli: mio padre e i suoi fratelli combatterono contro gli alpini nella prima guerra mondiale e tornò solo mio padre; nella seconda guerra si rifiutò di partire con loro per non servire il fascismo.
Ripeto: perché dobbiamo festeggiarli ???
il volontariato (con i soldi e le attrezzature di tutti noi) possono anche farlo lo stesso !!!

los von Bozen!

Avevamo proprio bisogno di questo ripasso.

Che siano bravi nessuno lo mette in dubbio. Ma mezzo milione di euro all'anno per i Nuvola del Trentino mi sembrano tanti. Ho l'impressione che, con la scusa della Protezione civile, abbiano trovato il modo di garantire vitto e alloggio sotto i tendoni a tutti i partecipanti alle adunate. Meglio era delegare questo compito ai vigili del fuoco volontari...

Il mio capitano usava dirmi: Amadio, che bel nome, ricordati che fai parte del glorioso esercito italiano; ed aggiungeva: che non ha mai finito una guerra con che l'ha incominciata.
Io dico: perchè così tanti trentini a Bolzano? sono del basso Trentino? spero che non siano delle valli
Saluti
AC

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
I commenti sono limitati ad un massimo di 500 caratteri.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.
Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Tag

emi :

In questa situazione c è solo da capire chi è il coniglio tra le due parti in questione..

22-10-2014 23:38
Bertol Bruno :

Facciamolo tornare, a codizione che "ci porti su da Roma" tutti i soldi dei suoi ricchi bilanci...

22-10-2014 23:27
Dan TN :

RIDICOLI! Il coniglio va eliminato. Di certo non è una razza in estinzione ed ha tassi di...

22-10-2014 22:26
Thomas :

La politica dei piazeroti in cambio di voti é dura a mollare,ma ora con meno soldi neanche...

22-10-2014 22:23
poero#2 :

SCANDALO!!1!!11
BISOGNIA DENUNCIARE LA LAV PER IL GRAVE SPAVENTO KE ANNO KUSATO AI POVERI...

22-10-2014 21:58