Cannabinoidi,  la Toscana dice sì

FIRENZE - La Toscana, prima regione in Italia, ha da ieri una legge che facilita l'uso della cannabis a scopo terapeutico. La scelta di utilizzare farmaci cannabinoidi o preparazioni «magistrali» per curare malattie gravi e molto dolorose come, ad esempio, la sclerosi multipla, anche grazie all'assunzione della sostanza attraverso una semplice tisana, come sperimentato in Puglia, finora è stata fatta in Italia da un numero limitato di persone, che si sono imbattute spesso in problemi burocratici e tempi molto lunghi. Quelli che la Toscana intende ora abbattere.
Il provvedimento è stato approvato ieri dal Consiglio regionale a maggioranza, con il voto contrario di Udc, parte del gruppo misto, e del Pdl, e l'astensione della Lega Nord. L'atto unifica due diverse proposte di legge e vede come primi firmatari Enzo Brogi (Pd) e Monica Sgherri (capogruppo Fds-Verdi). Un decreto del 2007 dell'ex ministro della Salute Livia Turco, è stato ricordato, rende possibile l'utilizzo dei principi attivi della cannabis nella terapia farmacologica, ma questi farmaci sono di difficile accesso.
Il provvedimento prevede la somministrazione dei farmaci cannabinoidi nelle strutture del servizio sanitario regionale, le Asl, e le strutture private che erogano prestazioni in regime ospedaliero. Per garantire la continuità terapeutica è previsto che il trattamento possa proseguire anche a domicilio. I farmaci sono acquisiti attraverso le farmacie ospedaliere, «nei limiti del budget aziendale», e tramite le unità sanitarie locali.
Per Enzo Brogi (Pd) «è una legge di civiltà che cercherà di agevolare un percorso burocratico». Oggi - spiega il consigliere - ci cono un centinaio di pazienti in Italia che fanno uso di questo tipo di farmaci, mentre ce ne sono migliaia che ricorrono all'autocoltivazione o al mercato illegale. «Per accedere a questi farmaci servono 3-4 mesi nelle regioni più virtuose, 7-9 in quelle meno. In Toscana - ha aggiunto - consentiremo di avere una procedura più regolare e più snella ma sempre sotto controllo del sistema sanitario». Secondo Stefano Mugnai (Pdl) invece si tratta solo «di una legge manifesto, un'iniziativa bandiera».

19 commenti

Meglio tardi che mai!!!!!!!!!!!!!!Curare fa bene anzi nel passato si curavano ....

Si parla di utilizzare delle pillole ma l'assorbimento attraverso il tratto grastrointestinale è molto lento e gran parte del principio attivo viene inattivato dal passaggio nel fegato. Un'altro modo di somministrazione che si sta sperimentando è quello inalatorio, cioè i principi attivi della cannabis vengono inalati modello aerosol. Allo studio anche cerotti.

Nello stesso documento l'Accademia americana ha portato all'attenzione del mondo scientifico il problema della ricerca di una somministrazione della cannabis diversa dal fumo, perchè a livello polmonare si ottengono gli stessi danni del fumo delle sigarette.

Studi condotti da un ricercatore italiano, Maurizio Grimaldi, hanno scoperto che il cannabidiolo, un componente non psicoattivo della cannabis, aiuta a proteggere le cellule del cervello. Negli Usa, in Israele, in Germania, in Gran Bretagna e nei Paesi Bassi esistono due cannabinoidi sintetici già in commercio: il dronabinol e nabilone.

Pensate che si può utilizzare nel glaucoma, un serio disturbo della vista caratterizzato dall'aumento della pressione intraoculare. Potrà essere curato dal delta-9-Thc (principio attivo della canapa indiana) che sembra essere utile in quanto riuscirebbe a diminuire la pressione interna.Curare il morbo di Alzehimer, quello di Parkinson, la corea di Huntington chesono tutte malattie definite neurodegenerative perché sono provocate da una degenerazione delle cellule nervose.

ale e vale pienamente daccordo con voi è il secondo fine a cui i furboni mirano.

Invece mi hanno detto che fumare e bere alcol FA BENE ALLA SALUTE, vero?
E allora mi raccomando, quando per strada vedete un tabacchino(spacciatore di nicotina anche a minorenni)o un bar(si sa...si inizia con una birra e si può finire alcolizzati), fate anche a loro sentire la vostra bigotta indignazione!

Che non sia la cura di tutti i mali si sa. ma se fa stare bene un malato perche' vietarlo?

Vallo a dire in faccia a chi ne trae giovamento(solo per dire un uso terapeutico della cannabis: viene data ai pazienti in CHEMIOTERAPIA per affievolire gli effetti negativi della terapia).
Ma devi guardarlo negli occhi e dirgli che tu gli impedirai di curarsi.
Vediamo se hai il coraggio.

finalmente una ventata di buonsenso...
Vi prego, leggete questo!!!

http://www.luogocomune.net/site/modules/sections/index.php?op=viewarticl...

BRAVO GIGI,NIENTE DA AGGIUNGERE

In medicina esiste già da tempo ciò che sostituisce anche meglio detti farmaci, senza alimentare peraltro secondari messaggi del tipo: che fumare cannabis fa bene è terapeutico e curativo dove in realtà è l'esatto contrario!

Se sono queste le nuove terapie hanno di certo sbagliato strada. Di fondo solo solito messaggio promosso per far passare una sostanza da sballo come curativa che fa bene innoqua e da usarsi senza remore, i soliti radicali in associazione con i rossi per distruggere ancor più una società già distrutta di suo.

Semplicemente dico questo: ERA ORA!....

ci sono farmaci a base di morfina perchè i derivati oppiacei hanno un efficace, autentico e scientificamente dimostrato effetto antidolorifico e per questo vengono usati da un secolo. I cosiddetti farmaci a base di canapa hanno effetti pari al placebo e la letteratura al loro riguardo è inesistente o scientificamente discutibile. L'uso medico della canapa serve solo a veicolare culturalmente la legalizzazione dell'hashish (secondo il concetto "è anche un farmaco quindi legalizzaziamola")

finalmente ci avviciniamo ai paesi civili , uscendo dall' oscurantismo bigotto-politico dei vari "talebani"......giovanardi docet...

Negli ospedali sono da sempre presenti antidolorifici a base di morfina(stesso principio dell' eroina), per non parlare di tutti gli psicofarmaci(uno su tutti, il ritalin:è a base di anfetamine e lo danno AI BAMBINI).
I bigotti italioti hanno per anni combattutto la pagliuzza nell' occhio senza vedere la trave..lasciamoli pure nei loro patetici e retrogradi disorsi:)

Era ora che qualcuno si facesse avanti! Che sia d'esempio per il resto della Nazione, in questi casi la politica non ha bandiera, qua si parla appunto di una legge di civiltà. Complimenti ai firmatari del Pd e Verdi detta da un elettore del centro-destra.

Avvertenze ai commentatori: prima di scagliarvi ideologicamente in nome di battaglie antidroga, leggete BENE l'articolo e le modalità della somministrazione. Se poi qualcuno parlerà di droga di stato o di ospedali che distribuiscono le canne allora è meglio che ritorni a scuola per imparare a leggere.

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
I commenti sono limitati ad un massimo di 500 caratteri.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.
Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Tag

amarillo :

I nonni lo facevano gratis!

20-08-2014 19:31
Mario D'Alterio :

Dentone stai sereno!
Nessuna dichiarazione inciucista da parte mia, ma ho solo comunicato...

20-08-2014 19:31
'merican :

Che la scielta di ri-introdurre l'orso sull'arco alpino sia stata buona o no, e' acqua sotto i...

20-08-2014 19:26
gerson :

che abbiano promesso di portarli a milano in via montenapoleone x fare shopping ?

20-08-2014 19:25
Don Koyer :

Non solo l'orso è pericoloso anche le vipere, le vespe, le zecche e tanti altri. Per il turismo...

20-08-2014 19:23