Comunità inutili

L' esperienza dei Comprensori si è conclusa con un giudizio negativo espresso in modo unanime dalle forze sociali e politiche. Si arrivò così nell'anno 2000 alla loro soppressione. L'apparato consumava il 90% delle risorse assegnategli solo per autosostenersi. La mancanza di poltrone di sottogoverno si è però fatta subito sentire, al punto che nel 2006, 

il Presidente Dellai «volle» e fece approvare la legge provinciale che istituiva le Comunità di Valle. Non si capisce perché questa nuova istituzione, dotata pressoché delle stesse funzioni dei defunti Comprensori, dovrebbe funzionare, vista l'esperienza della gestione sovra comunale deficitaria appena conclusa.
Chi oggi le sostiene usa gli stessi paroloni ed argomenti del tempo dei Comprensori: «Serve maggiore integrazione territoriale», «va gestito in modo associato lo sviluppo territoriale», «va data maggiore autonomia ai territori»..... e via con le frasi che (in astratto condivisibili) dicono in realtà poco o nulla, anzi, sul banco di prova poi si traducono in fallimenti e sprechi annunciati. Chi ci credeva, nelle Comunità, era così convinto che ha atteso quattro anni prima di farle partire. Oggi, a distanza di 6 anni dalla loro istituzione, nessuna Comunità ha ancora prodotto nulla, salvo aver speso una montagna di denaro. Sono stati stanziati, infatti, 7,6 milioni di euro per i servizi applicativi delle nuove realtà; 7 Milioni di euro per i servizi di governo; 1,5 milioni di euro per attività di studio (?), e da calcoli precisi risulta che spenderanno 7,5 milioni di euro per ogni legislatura per le indennità dei Presidenti, Assessori e Consiglieri. Chi dice che il referendum costerà circa due milioni di euro, probabilmente dice il vero, ma omette di dire quanto si risparmierebbe, invece, se le Comunità venissero abrogate. Non è più tempo di sprechi.
A livello nazionale si sono abrogate le province e la Lombardia (10 milioni di abitanti) gestirà tutto fra Regione e Comuni. Possiamo pensare noi Trentini (500.000 abitanti) di poterci mantenere Regione, Provincia, Comuni ed ora anche la Comunità di Valle? Meglio andare a votare e tracciare un segno marcato sul «Sì».


Sergio Divina
È senatore della Lega Nord, eletto nel collegio di Trento

 

I tuoi commenti

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Tag

Vedem :

Ok, giusto vendere ciò che non viene usato. Ci sono tanti edifici fermi da anni anche in zone...

31-10-2014 09:32
Mario Basile :

mi pare che l'azione annunciata dal Presidente Rossi miri a incentivare l'attività edilizia...

31-10-2014 09:32
Bibi :

1- Già i ragazzi delle valli vengono scarrozzati di qua è di là x colpa della cecità politica e...

31-10-2014 09:27
enzone :

Per chi non ama lo shopping, c'erano i massaggi cinesi. Ma ora ci hanno levato anche questi. Si...

31-10-2014 09:22
Cristina M. :

Stiamo tornando al Medioevo...
Non c'è da stupirsi più di niente..
Io l'anno...

31-10-2014 09:18