Maccani: voto sì  per tutelare i Comuni

Non sono un sostenitore della Lega, ma credo che sulla questione delle Comunità di Valle abbia delle fondate ragioni. Parlo per esperienza professionale diretta, in quanto lavoro in un Comune in posizione dirigenziale. È di tutta evidenza che nella nostra Provincia si sta percorrendo una strada completamente in controtendenza rispetto al quadro nazionale. 

Infatti mentre a livello nazionale si sono soppresse le Comunità Montane e si punta sulla unione dei Comuni e si vogliono eliminare le Provincie, nella nostra Provincia Autonoma si è invece «inventato» il nuovo Ente intermedio denominato «Comunità di Valle».
Mi pare, quindi, che in un momento di grave crisi economica e finanziaria anche la nostra Provinciao, pur con il suo ricco bilancio, non dovrebbe discostarsi da quello che sono le direttrici e tendenze a livello nazionale. Ritengo quindi che la strada maestra sia quella di puntare sulla unione e successiva fusione dei Comuni per aree omogenee, in modo dar creare in tutta la provincia circa 50-60 Comuni. In questo senso, in questi ultimi 12 mesi, si sono visti dei segnali ampiamente positivi, in quanto in alcune aree della nostra provincia (vedi alcune zone della valle di Non,Val Giudicarie e Valsugana), alcuni Comuni hanno avviato spontaneamente dei processi di unione.
Purtroppo va registrato che queste iniziative sono state subito osteggiate e scoraggiate in viario modo dalla giunta provinciale, tanto vale che con una modifica della norma regionale si è abbassato da 10 a 5 anni il termine per arrivare alla fusione dei Comuni e si sono introdotte penalizzazioni finanziarie in caso di non raggiungimento dell'obiettivo.
Non si mette in dubbio che per la gestione di alcuni servizi di rilevanza sovra comunale, come la gestione dei rifiuti, l'assistenza sociale e scolastica ecc, si debba puntare a forme associative più estese, ma credo che ciò possa essere fatto in maniera molto snella ed efficace attraverso la «conferenza dei Sindaci della Valle», demandando ad un organismo aziendale (del tipo «agenzia» ampiamente utilizzato dalla Provincia) la concreta gestione di questi servizi sovra comunali, senza andare a creare un nuovo ente.
In realtà, con la creazione delle Comunità di Valle, la politica accentratrice della Provincia, punta a svuotare di ogni competenza i Comuni e questo alla faccia della tanto decantata salvaguardia delle autonomie dei Comuni stessi. Inoltre questi dovranno fare i conti anche con la Comunità di Valle, secondo ente gerarchico superiore.
Ai Comuni trentini non resterà più nulla da gestire, forse a malapena lo sportello dell'anagrafe.
Nel contempo crescerà a dismisura la struttura burocratica e amministrativa delle Comunità di Valle, con nuovi e maggiori costi per la gestione dei servizi pubblici locali a carico dei cittadini.
Inoltre, contrariamente a quello che si va a decantare (e ciò lo ho potuto già sperimentare), le Comunità di Valle non porteranno snellezza, efficienza ed economicità di gestione, bensì un appesantimento e ritardi delle procedure amministrative, con conseguente sfiducia ed allontanamento del cittadino dalle istituzioni, aumentato poi dal disorientamento per la nuova burocrazia che dovrà affrontare per il disbrigo delle proprie problematiche.
La giunta provinciale aveva anche detto che la struttura burocratica dei nuovi enti doveva essere costituita da personale dipendente provinciale trasferito nelle periferie, ma a quanto mi consta questo trasferimento non è mai iniziato e non si sa se avverrà.
In realtà si punta invece ad incentivare il trasferimento del personale dei Comuni, che hanno maturato maggior esperienza pratica delle problematiche da affrontare.
Anche questo aspetto contribuirà a esautorare ancora di più Comuni, specie i piccoli, per i quali tra l'altro è vietato assumere nuovo personale in sostituzione.

61 commenti

ABOLIRLE ASSOLUTAMENTE! E' un doppione ed un COVO di RACCOMANDATI e TROMBATI della POLITICA!!!

alex il tuo commento sul pil germania trentino fa ridere vorresti dire che con le comunità il pil cresce ?? svegliati forse devi ammettere che ci sono scelte a volte sbagliate in politica o no? questa è una di queste ok

I ragionamenti di Morandini e Maccani sono largamente condivisibili. Non occorre essere leghisti per riconoscere che la richiesta contenuta nel referendum era valida.

" Ed è grazie a ciò, se le nostre due Province ora si trovano a livello della Germania " Ma cosa dici? L'austia nel 2011 è cresciuta del 2.7% e ancora meglio la germania al 2.3% mentre il trentino se va fuori con un 0.5% va bene. Non proprio dati teutonici. Svegliati e vai a cercare la tessera elettorale per fare il tuo dovere.

morandini e c.:
vi dimezzate le prebende immediate e future
e "aggiungiamo alcuni posti a tavola"
che magari servono più dei difensori dei berlusconi dei bossi e dei giovanardi.

Chissà come mai, quelli tanto ardenti per il si, sono poi gli stessi che, non importa per quale argomento, sono sempre e comunque avversi a Dellai? A loro in realtà, siano essi leghisti o no, non importa un fico secco delle CDV, interessa solo recare danno a lui e alla sua amministrazione. In poche parole: il vero obiettivo della Lega Nord. E ciò soprattutto in vista del 2013!
Ma i trentini sapranno ben riconoscere l'inganno, come l'ultima volta, come sempre! Viva il Trentino!

“È di tutta evidenza che nella nostra Provincia si sta percorrendo una strada completamente in controtendenza rispetto al quadro nazionale” – dice il sig. Maccani? E per fortuna che è così dico io, visto che ad andare in controtendenza è tutto il nostro sistema di autonomia. Ed è grazie a ciò, se le nostre due Province ora si trovano a livello della Germania. Da noi le cose vanno, DEVONO ANDARE in modo diverso che nel resto d’Italia, se lo ricordi bene!

Auguro vivamente alla Lega e ai suoi simpatizzanti pro si di non raggiungere nemmeno il 30% di affluenza, insomma di fare una pessima figura e di rodersi il fegato a furia di versamenti di bile per la cocente delusione! Così un'altra volta impareranno a non credere alle fregnacce leghiste, a informarsi meglio, ad amare di più la loro terra e a difenderla dai barbari padani! Tiè!

Non si dicono dalla parte della lega, ma portano l'acqua al suo mulino e le salvano le chiappe! Bella come coerenza, potete esserne orgogliosi .... come neoleghisti!

abolirle e basta. anche senza tutte le chiacchere di morandini. e ci sarebbe da abolire anche molto dell'altro. cordialità

TUTTI A VOTARE SI' ALL'ABROGAZIONE DELLE CDV!

io preferisco il "centralismo democratico" al bunga bunga, al parlamento padano e ai tipi alla giovanardi.

la speranza è l'ultima a morire, ma dai trentini non mi aspetto nulla di buono...temo che il quorum resterà un miraggio

SARA' DURA MA SPERIAMO DI FARCELA ....QUESTO SAREBBE IL PRIMO MESSAGGIO ALLA CASTA CHE LA GENTE E' STUFA DI QUESTI POLITICI ....

Credo che i Trentini, anche a causa della crisi e della brutta politica, si stiano svegliando! La lotta agli inganni, le furberie e il clientelismo non hanno colore politico. Si voti SI! E non si faccia come chi, dopo aver (giustamente) celebrato la Liberazione...invita a disertare un referendum! Massimo strumento di democrazia! Diamo prova di maturità!

Abroghiamo le CDV!
http://www.youtube.com/watch?v=xByItDBawdY

Dimostriamo che i trentini sono STUFI DI QUESTA POLITICA!

HA RAGIONE DIVINA: CARROZZONI ED ANCORA CARROZZONI INUTILI.

Spero che i trentini si sveglino dal torpore che li avvolge e che vadano a votare tutti SI per abolire le comunità di valle che sono solo il primo elemento da demolire del "sistema" di poltrone di Dellai.

"Anche questo aspetto contribuirà a esautorare ancora di più Comuni, specie i piccoli ..."

beh, se avessi ancora qualche dubbio Maccani me l'avrebbe tolto: esautorare i piccoli comuni è proprio quel che serve in Trentino. quindi tutti a casa e che in "gabina" elettorale ci vadano i padani.

Che noia questo tizio che fa campagna elettorale su questo blog, ripete sempre le stesse amenita' dichiarandosi non leghista.
Io, ad un referendum promosso da quel gruppo di farabutti che si fa chiamare Lega, non parteciperei nemmeno se il quesito fosse l'abolizione della schiavitu'.

per secondo punto il signor divina si dimentica di dire che molte funzioni in lombardia sono gestite, male, dallo stato come ad esempio tutte le strade non comunali tramite l'ANAS. in trentino fino ad oggi tale gestione era della PAT, ora viene passata per il principio della sussidiarietà alla CdV che dovrebbe conoscere meglio di trento i suoi problemi locali

come dice raz in lombardia i comuni hanno una media di 64000 abitanti... ovvio che come struttura possono gestire funzioni importanti (come il comune di Trento dove ovviamente non c'è la CdV). e gia questo fa ben pensare sulla serietà del discorso del signor Divina.

Il fatto che dei consiglieri, fi maggioranza, di alcune comunità vadano a votare per il SI (in segreto) la dice lunga sull'utilità delle CDV.
Ho sentito dire: "parliamo di aria fritta e non si conclude mai niente...solo grandi riunioni, tavoli, conferenze..."
Votiamo SI! Il quorum è ad un passo

vigggi dice che in Lombardia in media i comuni hanno ben oltre 30000 abitanti, ovviamente se uno fa il calcolo vede che in media hanno circa 6400 abitanti. Addirittura in Lombardia provincia di Lecco c'è il comune più piccolo d'Italia: Pedesina con 34 abitanti. Lì ovviamente niente cdv

tale maccani in quanto segretario comunale avrebbe dovuto onestamente affermare anche che le cdv non portano via nessuna funzione ai comprensori, semplicemente si prendono le funzione dei vecchi comprensori ed altre funzione svolte fino ad oggi dalla PAT... le unioni di comuni cosa altro sarebbero se non le cdv?? O VOGLIAMO SOSTITURE LE CDV CON 60 UNIONI DI COMUNI...bel risparmio

@vigggi: chi erogherà i servizi per i prossimi 6 mesi? Chi li ha egregiamente erogati da 20 anni a sta parte e chi li sta erogando ancora attualmente in alcune comunità non ancora pronte...Le sedi e il personale rimane, verrà solo abrogato un livello istituzionale in più, costoso, ma soprattutto che rischia di complicare ancora di più l'iter burocratico dei vari servizi

quello che è importante avere il senso civico di andare a votare poi in cabina da soli con la propria coscienza per i proprio futuro si segnerà un segno che definirà il contributo di lasciare o meno le comunità di valle-

concludo ricordando al signor Divina che in lombardia i comuni hanno una popolazione media di ben oltre i 30.000 abitanti e che le funzioni che da noi svolge la PAT li viene svolta dallo stato (e non dalla regione) se in trentino si abolissero i comuni sotto i 5000 abitanti allora si avremmo risparmi di svariati milioni di euro all'anno

poniamo che le comunità di valle vengano abrogate.... per i prossimi 6 mesi chi erogherà il reddito di garanzia? chi assegnerà gli alloggi ITEA? che farà le graduatorie per il risanamento per le domande appena raccolte?? il comune di Sfruz? il Comune di Volano? il Comune di Cimone? Sveglia NON SIATE AUTOLESIONISTI... piuttosto abroghiamo i comuni con meno di 5000 abitanti

Non è sufficiente abolire le CDV!
Ci sono tanti enti inutili che appesantiscono all'inverosimile l'apparato burocratico italiano, minando la concorrenzialità con gli altri Stati.
Perchè non farne un elenco di questi "magna magna" e di chi profumatamente si ingrassa con i soldi di tutti?!

Vedo le truppe leghiste all'assalto anche qui su Adige on line, il vostro tesoriere Belsito non vi ha dato qualche diamante da vendere per la campagna referendaria ?

Un bel SI! al referendum, un primo segno per iniziare a riportare sulla terra, nella cruda realtà, l'immenso, costoso, inefficente, privilegiato, mafioloide e sovieticante apparato amministrativo provinciale. Sono convinto che anche per molti di loro sarà una benvenuta e salutare boccata di aria pura.

concordo in pieno con te, Enzo.

ciao Vampiretta, il dico 53 %. ma spero che tu abbia ragione.

Nel 2007 il referendum contro i soldi pubblici alle scuole private raggiunse il 20% di affluenza senza alcun dibattito e con la totalità dei partiti e del clero contro (salvo rifondazione).
Oggi c'è dibattito, il tema è sentito, i partiti ci sono, la gente è stufa. Il quorum è raggiungibile. Credo ci sarà un'ottima affluenza! 54%!

non sopporto la lega. ma voterò si. e cercherò di convincere altri a farlo.

L'operazione della Lega, appoggiata ora anche da molti altri partiti di destra e di sinistra, viene spesso bollata come un atto di "antipolitica".
L'intervento di Maccani spiega invece alcune delle motivazioni forti del referendum. Antipolitico, per me, è piuttosto l'atteggiamento di chi invita a disertare le urne, a non far sentire la propria voce. Atteggiamento ancor più grave se ad adottarlo sono politici, consiglieri provinciali, i nostri rappresentanti...

Basta magnaar! Le ora de serar tuti sti ufizi che i fà sol confusion e i fà nar for da matt la zent per far do carte! Basta el Comun en tei picoi paesi che se se conos tuti e se sà chi che lè i lazaroni e chi che fà del ben! Votè SI e pareli a casa o a laorar dal bon!!

...un tecnico ha il coraggio di esprimersi. Era ora!!! Il mio SI di domenica prossima sarà ancora più convinto!!!

Conosco un paio di consiglieri di una Comunità che, nonostante siano nella coalizione di centrosinistra e di Governo, voteranno convintamente, nel segreto dell'urna, SI. Giuro!
Insomma, il 29..da quel che capisco, sarà la caporetto delle CDV

Quando un cittadino deve passare dalle CDV si accorgerà della burocrazia che producono allo scapito dell'economia;
a loro non importa che i ritardi burocratici di gente spesso non all'altezza della situazione porti a perdita di denaro, tanto non è della loro tasca!!

quelli che sono scesi in piazza contro Craxi sono quelli che hanno votato per diciassette anni (e non è finita) Burlesquoni.

Sarà un segretario comunale. Comunque è vero che il personale che per primo passerà alle CdV sarà quello dei comuni, esiste un protocollo d'intesa tra Pat-autonomie locali- organizzazioni sindacali che lo stabilisce: i primi saranno i dipendenti che seguono le funzioni (praticamente tutte:edilizia,assistenza,commercio,pp.ee,tributi), che passeranno dai comuni alle comunità. Solo ultimi - e forse - i provinciali.

secondo me si stà sbagliando... alle Comunità stà arrivando personale dalla pat e dai comuni.. peccato che non si sa con quali criteri... forse amici degli amici degli amici... !!!

ho guardato i confronti alla televisione sul referendum, che grossa confusione parlano come se tutti gli elettori fossero politici che hanno fatto il progetto delle comunità, invece molti cittadini non sanno ancora a cosa servono e se sono valide o meno , peccato ma esiste sicuramente molta confusione

Che noia questo tizio che fa campagna elettorale su questo blog, ripete sempre le stesse amenita' dichiarandosi non leghista.
Io, ad un referendum promosso da quel gruppo di farabutti che si fa chiamare Lega, non parteciperei nemmeno se il quesito fosse l'abolizione della schiavitu'.

maccani ?? mai sentito nominare , mi "sembra" il solito pensiero leghista.....

parlando con tanti mi confermano che andranno a votare e voteranno si ma mi sto accorgendo che la gente è veramente stufa e i ns capi prima o dopo si ritroveranno migliaia di trentini in piazza dante (craxi docet)

Un plauso al signor Maccani; finalmente una persona che spiega bene dell'inutilità delle CDV. Hanno soppresso i Comprensori e fatto nascere le CDV, che si occupano delle stesse cose. Ci prendono per idioti?? Votiamo SI per l'eliminazione di questi sprechi!

Molti amministratori e dipendenti comunali non si esprimono, ma vanno a votare. La cdv ha dimostrato finora la sua inefficienza complicando di fatto gli iter burocratici e questo è evidente soprattutto agli addetti ai lavori. Una certa sudditanza psicologica è evidente, ma onore al merito a chi come Maccani esprime il suo pensiero, che in una democrazia sana dovrebbe essere un diritto sacrosanto, ma in Trentino purtroppo è atto di coraggio.

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
I commenti sono limitati ad un massimo di 500 caratteri.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.
Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Tag

amarillo :

I nonni lo facevano gratis!

20-08-2014 19:31
Mario D'Alterio :

Dentone stai sereno!
Nessuna dichiarazione inciucista da parte mia, ma ho solo comunicato...

20-08-2014 19:31
'merican :

Che la scielta di ri-introdurre l'orso sull'arco alpino sia stata buona o no, e' acqua sotto i...

20-08-2014 19:26
gerson :

che abbiano promesso di portarli a milano in via montenapoleone x fare shopping ?

20-08-2014 19:25
Don Koyer :

Non solo l'orso è pericoloso anche le vipere, le vespe, le zecche e tanti altri. Per il turismo...

20-08-2014 19:23