Manovre al centro

4fef06cf2e_6342544.jpgROMA - I nuovi progetti politici annunciati da Pier Ferdinando Casini e da Angelino Alfano agitano ancora di più le acque già increspate della politica italiana. Facendo intuire come quella delle elezioni a ottobre non sia proprio un'ipotesi remota.
Il Pdl definisce «un'operazione virtuale» quella dei centristi. Mentre gli ex Udc non credono nella proposta che i pidiellini faranno uscire dal cassetto solo dopo le amministrative.
Secondo il presidente di ItaliaFutura Luca Cordero di Montezemolo, entrambi sarebbero solo operazioni di «marketing» visto che di «contenuti» non c'è nemmeno l'ombra. «Non è cooptando qualche tecnico», osserva, che si risolve il problema. E una bocciatura arriva anche dall'Idv: «Invertendo l'ordine degli addendi - ironizza Di Pietro - la somma non cambia» perchè non è «spostando i nomi» che si crea qualcosa di nuovo. Noi «non abbiamo bisogno di inventare nuovi partiti», rincara la dose Bossi, nè «nuovi trucchi che quando si usano vuol dire che non c'è un partito dietro».
I «movimenti al centro», taglia corto il segretario Pd Pierluigi Bersani, non rappresentano certo una «svolta epocale». Ma ai Democratici, afferma, «va bene» anche perchè loro, come ricorda Rosy Bindi, «l'operazione del secolo» l'hanno già fatta «e non si torna indietro».
La prospettiva indicata da Casini sembra dividere poi il Terzo Polo. I finiani, infatti, di nuovo partito, a prescindere dai nomi, non ne vogliono sapere. «Noi - spiegano Fabio Granata e Carmelo Briguglio - un partito ce l'abbiamo ed è stato il primo a nascere in questa Terza Repubblica». Nè, incalza Granata, «abbiamo intenzione di salire su una sorta di predellino bis. Grazie. Abbiamo già dato». Sarebbe molto meglio, invece, precisa Briguglio, parlare di «Federazione a quattro» aperta a chi ci vorrà stare. Altrimenti, avverte, «ci incasineremo».
Resta un altro grande nodo da sciogliere: quello della leadership. Chi coordinerà le varie anime pronte a confluire nella nuova creatura politica? Beppe Pisanu, lancia ufficialmente la candidatura di Casini «per superare il Pdl» in un nuovo partito a leadership collettiva. Ma tra i finiani il malumore è palpabile. Non scioglieranno mai Fli, assicurano, «nè per il diktat» di Casini, nè per «regalare a lui lo scettro del comando».
Alfano, intanto, dopo l'annuncio del leader centrista, rilancia. E comunica che il nuovo soggetto politico, quello targato Pdl, non avrà bisogno di essere finanziato dalla politica («Perchè ci aiuterà chi avrà le nostre stesse idee»). Grazie, gli ribatte Pierluigi Mantini (Udc) che definisce «una burlesque» il progetto pidiellino, loro hanno «il miliardario!».
Sul tema finanziamento-pubblico però nessuno vuol essere secondo a nessuno. E così, sebbene in commissione Affari Costituzionali della Camera giacciano 17 testi che dal 2008 non si è riusciti a convertire neanche in un ‘testo basè per avviarne l'esame, ogni partito annuncia la sua ricetta. Ne ha una pronta il Pd che presenterà a breve, assicura Bersani «per tagliare i rimborsi». Ne hanno già depositate una la Lega. E una l'Idv che, oltretutto, ha già cominciato la campagna di raccolta firme anti-finanziamenti.

14 commenti

... è solo una cosa loro privata di tutti uguale ... non lasciamoci incantare .... l'unico modo stavolta è disertare le politiche 2013 ... w la libertà da questi nobilacci ....

L'unica manovra che devono fare queste cariatidi politiche,senza eccezzioni di partito, è fare i fagotti e andare a casa. Meglio se si ritirano in qualche convento a meditare sulle cazzate fatte fin'ora.Purtroppo noi Cittadini ne dobbiamo pagare le conseguenze.

l'Italia ha estremo bisogno di gente che sia capace di stare sempre attaccata a una cadrega, non importa se di qua o di là, a destra, a sinistra, o al centro.
L'importante è che si possa mangiar...

Il partito degli Italiani moderati è quello che si riconosce nell'alveo del Partito Popolare europeo.

Ho visto in TV i maggiorenti dell'UDC partecipare alla riunione che ha decretato il rinnovamento del Partito. Fra di essi c'erano Ciriaco De Mita (nato nel 1928 e in Parlamento dal 1963), Paolo Cirino Pomicino (nato nel 1939 e in Parlamento dal 1976). E naturalmente Pierferdy (nato nel 1955 e in Parlamento dal 1983). Gente con esperienza, non c'è che dire.

Finchè sono sempre gli stessi nomi a voler cambiare qualcosa,allora siamo freschi. Quanto a Casini,me lo ricordo ancora che parlava quando aveva i capelli scuri e girava per le discoteche,Rutelli "il verde" in bicicletta che girava pacificamente per Roma,Fini il cupo mingherlino a fianco di Almirante.Di anni ne sono passati mentre loro si sono de-voluti...

Stò chi el ne sa una pù de delai.

è il nuovo che avanza!!!
che solfa pierferdy!!!!!

e c'è gente che vota questi "gattopardeschi".......

Le minestre riscaldate non sono molto buone! Il rinnovamento consiste nel fare entrare volti ed idee nuove in tutti i partiti. Non si può cambiare casacca, colore, titolo ai partiti e riciclarsi all'infinito. Due legislature a testa e poi fuori dai piedi, ma senza benefici; avete contribuito a "salvare il Paese", grazie ma non vi vogliamo più. Matteo Renzi docet, rottamiamoli tutti.

Si cambia musica ma i suonatori sono sempre gli stessi!!

W Casini e la sua capacità di rinnovamento!
Il futuro a Trento è già stato intrapreso con L'assessor Lia Giovanazzi Beltrami, il partito della nazione e la Stella!

Caro mio CASINI e soci vari siete dei democristiani e resterete democristiani, siete vecchi e nostalgici peggio di quelli che sognano ancora la bandiera dell' U.R.S.S., anche se vi volete prendere su le macerie del liberismo selvaggio della destra che vuol rifarsi una verginità al centro, dei rei dei bunga-bunga e 20 anni di lento sfacelo italiano, restate sempre i testimoni della mala politica ed affarismo selvaggio.

Questi vecchi marpioni vogliono farci nuovamente fessi. non dobbiamo permetterlo. Questi sono gli artefici della disgregazione sociale che viviamo.

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
I commenti sono limitati ad un massimo di 500 caratteri.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.
Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Tag

Lepre Marzolina :

Bravo Carlo pendolare!

24-07-2014 21:50
Alexiei :

Se i soldi sono investiti come nel Laborfonds, qualcosa di strano c'è.
Vi sembra normale...

24-07-2014 21:50
AndreaTN :

@Bici ecologiche?
Ovviamente la bici è ecologica rispetto ad un auto. Il tuo discorso non...

24-07-2014 21:37
sigh! :

adige, basta con questa manfrina, i problemi sono altri!! se non avessero rinnovato il contratto...

24-07-2014 21:24
daxdax :

Divina provvidenza pensaci tu a sanare questo spettacolo indecente.

24-07-2014 21:24