«Non si è rimasti fermi  contro la leishmaniosi»

ARCO - L'argomento della Leishmaniosi canina deve essere trattato con un orientamento tecnico-scientifico per favorire così un corretto approccio al problema della diffusione in Trentino, e non in modo propagandistico. Non ha infatti gradito Roberto Zampiccoli, veterinario arcense nonché consigliere comunale, l'attacco personale rivoltogli da un esponente del consiglio provinciale attraverso la stampa.
Per affrontare l'argomento sotto l'aspetto tecnico ed evitare così anche la nascita di leggende metropolitane è necessario in primis ricordare tutte le attività intraprese nella zona dell'Alto Garda dal momento della comparsa del fenomeno ad oggi. Già nel 2002 venne evidenziato un caso di Leishmaniosi canina non autoctona nel comune di Arco, non il primo visto che già nel 2001 era stata posta la stessa diagnosi a carico di un cane arcense. In seguito alla segnalazione, i Servizi veterinari cominciarono ad interessarsene.
Nel 2003 e successivamente anche nel 2004, lo stesso Servizio sanitario e l'Ordine dei medici veterinari della Provincia organizzarono una ricerca-campione per lo studio della presenza di cani affetti da Leishmania nella zona del Basso Sarca: i risultati della ricerca, riassunti in una bassissima presenza di esiti positivi, vennero poi pubblicati.
Negli anni successivi si cominciarono però a registrare ripetuti casi di Leishmaniosi canina sia importata che autoctona. La situazione venne nuovamente segnalata e già nel 2007 si iniziò a parlare della necessità di serate dedicate all'informazione scientifica corretta per professionisti del settore e cittadini. Negli ultimi anni però si è notata la tendenza all'aumento dei casi di Leishmaniosi canina autoctona nella zona.
Nell'estate 2011 viene chiesta la disponibilità alle forze sanitarie locali e provinciali per l'attuazione di una nuova serata informativa, patrocinata dallo stesso Sindaco di Arco che, informato sull'argomento, sprona ad accorciare il più possibile i tempi organizzativi necessari. Il 24 gennaio di quest'anno la serata trova finalmente la sua concretizzazione, con un ottimo risultato di partecipazione popolare.
Il resto è storia recente: poco dopo l'evento, la segnalazione del caso di una bambina di cinque anni residente ad Arco affetta da Leishmaniosi umana viscerale.
L'operato della medicina pubblica nel corso degli ultimi dieci anni ha quindi seguito specifiche linee di monitoraggio igienico e scientifico dettate sia dalle normative in materia di sanità sia dal buon senso civile, evitando così di farsi trovare impreparata.
Infine una buona notizia per tutti i possessori di cani: dai primi di aprile è disponibile anche nell'Alto Garda il vaccino contro la Leishmaniosi.

wally sono d'accordo con te.....si sono sempre preoccupati di avvisare che la la malattia era presente nella zona e adesso finalmente abbiamo un vaccino .

il dottor Zampiccoli oltre ad essere un consigliere comunale è un professionista a 360° sempre pronto ad informare ed aiutare i nostri piccoli amici ed i loro padroni, sono assolutamente al suo fianco davanti a questo uso becero del mezzo stampa solo per infangare l'onore di una persona come lui.

Lo studio Veterinari Associati di cui fa parte il dott.Zampiccoli , posso testimoniare per esperienza diretta , è stato ed è estremamente attanto sensibile e preparato nel gestire la situazione per i propri pazienti ( animali ed ... umani ),ha sempre dispensato consigli sul come prevenire il contagio ed ora nella somministrazione del vaccino . IL punto è un altro , si dovrebbe obbligare tutti i proprietari ad intraprendere un minimo di prevenzione al contagio su tutti i cani sani e ammalati

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
I commenti sono limitati ad un massimo di 500 caratteri.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.
Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Tag

aletat12 :

altri tempi..ormai l'umanità si stà mescolando..e forse sotto c'è un senso altro che si fatica a...

25-10-2014 21:04
orlando :

Incominciamo a chiamarla con il suo vero nome: CANAPA : una pianta utilissima che è servita per...

25-10-2014 21:00
Paperoga :

una volta che avremo l`indipendenza dichiareremo francesco da riva`persona non grata. :-(

25-10-2014 21:00
Paperoga :

500 trentini sono meno dei sindacalisti CGIL (RSA compresi) e dipendenti del sindacato.
se...

25-10-2014 20:55
ilda frioli :

Ma non si sono accorti i sindacati che è fuori moda fare queste manifestazioni???. Io dico a...

25-10-2014 20:52