Causa l'incidente, incastrato dal video

Da «vittima» di un tamponamento ad imputato per avere causato l'incidente volontariamente, frenando bruscamente e ingranando persino la retromarcia. Ad incastrarlo il «Grande fratello», l'occhio elettronico di una telecamere puntata sulla strada statale, che avrebbe smentito la sua versione.
A finire nei guai un giovane della val di Non, accusato di danneggiamento, violenza privata e tentate lesioni: l'imputato, difeso dall'avvocato Stefano Frizzi, ha scelto di essere processato con rito abbreviato ed ha offerto, a titolo di risarcimento (ma per la parte offesa potrebbe non bastare), 3.500 euro all'automobilista urtato, costituitosi parte civile attraverso l'avvocato Monica Baggia. I due automobilisti, peraltro, si conoscono bene, visto che il conducente urtato era dipendente della società di trasporti del padre del giovane finito a processo. Era, perché l'uomo è stato licenziato.
Ma veniamo al fatto. Il 6 agosto 2011 la parte offesa, un camionista trentino, stava tornando verso casa dopo una serata trascorsa con gli amici in un bar. L'uomo percorreva la statale del Brennero, in direzione Mezzolombardo: all'altezza del «Mercatone Uno» l'incidente. Il suo veicolo aveva tamponato un furgoncino. Questa, almeno, sembrava la dinamica ricostruita in un primo momento. Non solo. Il camionista era pure finito nei guai, perché dagli accertamenti era emerso che aveva bevuto troppo e dunque era stato denunciato per guida in stato di ebbrezza e il mezzo sequestrato. Di una cosa, però, il camionista era certo: lui non aveva tamponato il giovane. Ma ovviamente si trattava della sua parola contro quella dell'altro conducente. Il merito di avere chiarito la presunta dinamica dell'incidente va ai carabinieri della stazione di San Michele che hanno condotto indagini approfondite: i militari infatti hanno acquisito le immagini registrate della telecamera del «Mercatone Uno», che riprende anche un tratto della statale. E quello che l'occhio elettronico ha registrato è tradotto nel capo di imputazione: accortosi che il veicolo che lo seguiva - condotto dal camionista - si accingeva a superarlo, «anziché favorirne il sorpasso, accellerava l'andatura, costringendo la parte offesa a desistere da detta manovra, operando poi una improvvisa frenata, costringendo ulteriormente il camionista ad analoga manovra, operando infine un arretramento in retromarcia, così danneggiando il veicolo della parte offesa». Insomma, altro che tamponato: il giovane avrebbe inchiodato e poi azionato la retromarcia per urtare volontariamente il suo veicolo. Detto che ora sarà il giudice a stabilire se la dinamica dei fatti sia quella contestata dal pm Marco Gallina, il camionista è convinto che l'incidente sia una conseguenza del contenzioso con l'ex datore di lavoro, sfociato nel licenziamento. Qualche giorno prima del presunto tamponamento, infatti, il camionista avrebbe denunciato all'ispettorato del lavoro gli eccessivi turni cui era sottoposto. Una tesi, va detto, respinta con forza dalla controparte, che si limita ad osservare che il licenziamento, non ancora impugnato dall'ex dipendente, sia del tutto estraneo a questo processo e comunque non riguardi l'imputato. F.P.

A parte questo caso limite (in cui c'erano precedenti screzi) occorre massima cautela: sempre più gente con macchina scalcagnata si fa tamponare per poi farsi sistemare l'auto e pagare il (finto) colpo di frusta...
Mai come oggi, distanze di sicurezza e attenzione!

se ci fossero più persone oneste non servirebbero nemmeno le telecamere...

Installando la "scatola nera" sulla vettura si possono, in caso d'incidente, provare molte cose, come il tamponamento per retromarcia quando si è fermi in colonna. E' gratuita!

Poi però verrebbero molti a dirti che è solo un metodo da regime di controllo, la privacy ecc ecc -.-

se ci fossero telecamere ovunque, quanti casi si potrebbero giudicare nella giusta direzione. Troppe volte si è cornuti e bastonati ingiustamente ma non si riesce a dimostrarlo, vuoi per false testimonianze o per mancanza di testimoni.

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
I commenti sono limitati ad un massimo di 500 caratteri.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.
Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Tag

MaGu :

è una persona fortemente disturbata. La sua colpa principale è di avere cercato di inserirsi in...

25-10-2014 08:18
Hans :

E' la nuova "forza lavoro" che arricchisce questo paese.

25-10-2014 08:04
Bepon :

Uno degli sport preferiti dagli scaldasedie del Comune di Trento è quello di cambiare ogni tanto...

25-10-2014 07:58
Besenelot :

la solita storia, il braccio destro dell'esattore non sa mai cosa fa il suo braccio sinistro...

25-10-2014 07:46
Massimo_tn :

Grazie El Zinzega. Finalmente un commento utile e costruttivo su questo povero forum

25-10-2014 07:42