Tagli a Navigarda,  si rischia il collasso

RIVA DEL GARDA - Due milioni e mezzo di turisti trasportati in 4-5 mesi e oltre 105 mila automobili che «viaggiando» sull'acqua hanno evitato di ingolfare le già congestionate arterie di collegamento su gomma del Garda, da nord a sud e viceversa, su entrambe le sponde. Numeri dell'estate 2011 che la dicono lunga sul ruolo fondamentale del servizio di navigazione pubblica per l'economia e la società gardesana, Trentino compreso. Ora però, a pochi mesi dall'inizio della stagione estiva, è più che concreto il rischio di un collasso che avrebbe ricadute pesantissime, soprattutto in questo periodo, sotto il profilo ambientale, dell'immagine di tutto il lago di Garda nel mondo e quindi economico. Perché un decreto dell'ex governo Berlusconi ha tagliato del 50% i fondi ministeriali a favore della navigazione pubblica su laghi e specchi d'acqua interni, a cominciare proprio dalla Navigarda. Erano 26 milioni di euro annui, sono diventati 13 che Navigarda deve far bastare per il lago di Garda, lago Maggiore e lago di Como. Risultato, per far quadrare i conti il costo dei biglietti è aumentato del 30% e molte corse sono state tagliate.
A lanciare l'allarme sulle conseguenze di un mancato ripristino immediato dei fondi in questione è in queste ore il neo presidente della Comunità del Garda Giorgio Passionelli, sindaco di Torri del Benaco, che ha preso carta e penna e scritto personalmente a tutti i parlamentari dell'area gardesana. Senatore Molinari compreso. 

 

Tutto sull'Adige cartaceo

12 commenti

tagliano servizi ed aumentano le tasse. sempre.
però non si tagliano i compensi, i rimborsi, le entrate extra rimborsi, le spese

c'è da augurarsi che l'italia arrivi al collasso greco?

per mino e Carpione:
hai ragione che il biglietto costa, costerebbe molto meno se il governo Berlusconi non avesse tagliato irresponsabilmente il 50% delle risorse...queste risorse, così come dicono anche gli stessi sindaci che hanno un servizio a costo “zero”, non devono essere considerate una spesa, ma come un investimento a favore di tutto il turismo e la mobilità del territorio, che genera incassi per albergatori, ristoratori, negozi, campeggi, ecc...

per Rivam:
le navi circolano da marzo ad ottobre e trasportano oltre 2.300.000 passeggeri in soli 8 mesi. E' chiaro che svolgono un servizio di linea con orari prestabiliti e pubblicati e quindi non è che possono muoversi solo quando sono piene (proprio come gli autobus di linea o i treni che partono anche se a bordo ci sono solo 2 persone). E' il principio di un servizio pubblico di linea.

per daniele. Parte 2
I battelli usano gasolio ecologico a basso tenore di zolfo, unico mezzo di trasporto adeguato alle normative ambientali e non inquinano più degli autobus o di certe automobili. Solo un esempio: se una nave in un giorno porta 1.000 persone e consuma 800 litri di gasolio (0,80 liri di gasolio a testa), sai quante auto ci vogliono per portare le stesse 1.000 persone e sai quanto inciderebbe il gasolio per ogni persona? credimi, molto e molto di più.

per daniele. Parte 1
informati prima di parlare...quella che tu chiami Comunità (che io intendo come locale) non tira fuori 1 euro per sostenere la navigazione che è completamente statale ed è la migliore tra le aziende di trasporto pubblico italiane ministeriali per coefficiente di servizio, cioè il rapporto tra costi ed incassi (sempre ammesso che tu sappia cos'è).

concordo con Andrea73.
Per gli altri:
basta con questi commenti inutili che non portano da nessuna parte. Vorrei sentire questi discorsi per i soldi finiti ai partiti (tutti, compresa la Lega che inneggia contro Roma Ladrona, ma poi da Roma prende il finanziamento.e abbiamo visto come lo spende) e non per danneggiarsi uno con l'altro tra persone normali (pensate ai lavoratori ed alle loro famiglie). E' la guerra tra poveri mentre i ricchi e potenti se ne avvantaggiano.

nessuno ha pensato ai dipendenti di bordo e di terra se navigarda chiude? pensate ai miliardi buttati al vento per inutili operazioni finanziarie(alitalia ecc.) partorite dallo psiconano di arcoree cmq i finanziamemti sono statali non regionali informatevi prima di parlare

Meglio!
è un servizio pubblico fittizio, tenuto in vita artificiosamente con i contributi della comunità, con il risultato di inquinare enormemente!
Battelli abitati da fantasmi che salutano le coste per 10 mesi all'anno.
Se Navigarda fosse un essere vivente, il suo pubblico sostentamento sarebbe assimilabile ad accanimento terapeutico.

sotto il profilo ambientale tutti ci guadagnamo e non perdiamo come scritto dal bravo giornalista perchè quelle barche inquinano piu di 30 autobus, vanno ancora a nafta!Poi spesso le vedo vuote....

meglio cosi!! carissima navigarda x andare a malcesine,un furto!! chiudete tutto xsempre!!

Perchè devo pagare io le gite sul gardasee ai tedeschi?

pace e amen.

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
I commenti sono limitati ad un massimo di 500 caratteri.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.
Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Tag

markin0 :

Ma come, i vaccini non causano l'autismo?

02-09-2014 22:29
Nadia56 :

Era meglio pensarci prima, queste sembrano lacrime di coccogrillo.

02-09-2014 22:26
Steve :

Mi chiedo perché l'Italia debba sempre mostrarsi buonista ed accondiscendente con gli altri...

02-09-2014 22:26
???? :

so che more solito domani dirà viceversa... cmq alleluja

02-09-2014 22:23
???? :

l'annuncite di renzi è contagiosa a quanto pare

02-09-2014 22:22