«Energia verde, un salasso in bolletta»

Ormai è la cosa più certa dopo l'alternarsi del giorno e della notte: l'aumento - costante e inarrestabile - delle bollette energetiche degli italiani è l'unico segno «più» di un Paese in recessione che, per il resto, vede calare i consumi, i salari, l'occupazione.
Da oggi - e non è uno scherzo da primo aprile - la bolletta della luce costerà il 5,8 per cento in più rispetto al mese precedente, in attesa che da maggio scatti un ulteriore aumento del 4 per cento. Insomma, nel giro di due mese lo stesso consumo di luce verrà pagato da una famiglia il 10 per cento in più. Si calcola un esborso medio annuale di una cinquantina di euro in più su una bolletta che - sono dati elaborati dal Centro ricerca e tutela consumatori di Trento - nel 2011 è cresciuta del 15 per cento. Accendere una lampadina, insomma, sta diventando quasi un lusso. È stato calcolato che una famiglia media italiana pagherà quest'anno 500 euro soltanto per illuminare casa, guardare la televisione, far funzionare frigorifero, ferro da stiro e lavatrice.


«L'aumento del 5,8 per cento deciso dall'Autorità per l'energia - spiega Marco Merler, amministratore delegato di Dolomiti Energia - è la diretta conseguenza della crescita del costo dell'energia elettrica per i produttori, a causa del petrolio che da aprile dell'anno scorso è sopra gli 80 dollari al barile».
Quest'ennesima «bastonata» ai consumatori porterà il costo dell'energia a 18,3 centesimi per chilowattora, di cui più di un terzo pagato per accise, addizionale regionale e Iva. Il «ritocco» dell'1,8 per cento sul gas porterà il prezzo del metano a quasi 88 centesimi al metrocubo, per una bolletta media annua di oltre 1.230 euro per famiglia.
Tanto che, per «congelare» minimamente le bollette le associazioni dei consumatori propongono di ridurre l'aliquota Iva al 10 per cento per il metano e al 5 per cento per l'energia elettrica.

29 commenti

Signor Ianes... posso capire la voglia di farsi pubblicità ma provi a negare che un impianto da 3 Kw per una famiglia si ammortizza in meno di 10 anni! E provi a negare che tutti gli incentivi dati dal GSE vengono pagati anche da chi l'impianto non lo ha! Per cortesia non tacci gli altri di fare chiacchiere a vanvera! ( lavoro nel campo anch'io!). Saluti!

Ecco cosa costa il fotovoltaico ad una famiglia italiana: massimo 1,25 E/mese!!! Cosa paghiamo in bolletta?Inceneritori,petrolio,gas...
Se volete aggiornarvi leggete qui:www.marcoianes.blogspot.it
Il resto sono solo chiacchiere a vanvera.
Saluti a tutti.

nessuno di voi ha capito che il problema sono state le liberalizzazioni? da quando c'è stato il decreto Bersani c'è stato un aumento di botto delle bollete del 20%..poi da li per i motivi che tutti sappiamo si sono susseguiti altri aumenti di diverso tipo...il green poi è solo una stupida moda coperta da una sfumatura etica fatta da imprenditori che hanno capito che ci si può fare una bella speculzione...

il comunicato dell'autorità per gas e energia...
il punto più ironico e preoccupante:
“L’Autorità sente l’esigenza di dare un segnale, chiaro e concreto – ha detto il
Presidente dell’Autorità Guido Bortoni -. Il tempo di un mese potrà servire ai decisori delle politiche energetiche per operare le migliori scelte, con modalità sopportabili per i cittadini e per le imprese, alle quali si sta già chiedendo uno sforzo titanico vista la congiuntura economica”.

Il giornalista sa perfettamente cosa ha scritto!
I paesi Asiatici che hanno cominciato molto prima di noi a finanziare la green economy hanno smesso da un pezzo. Il fotovoltaico senza contributi non resta in piedi .. inoltre non è che alla fine della sua vita ( una media di 20 anni) diverrà rifiuto speciale?
Il fotovoltaico è un businnes… ma solo per le imprese che scaricano Iva e vanno in ammortamento.

Caro Ianes... io non ci vivo di fotovoltaico.
Tu invece mi sembra di si...almeno visitando i tuoi siti.
Mi spieghi perchè la PAT ha deciso di togliere questi incentivi?
Mi spieghi perchè i prezzi del fotovoltaico sono direttamente proporzionali al contributo^
Il fotovoltaico non sta in piedi senza incentivi... e questi incentivi li paghiamo tutti noi!
+Punto e basta!

Che le lampadine a basso consumo siano una bufala non c'è dubbio. Oltre a costare un sproposito sono altamente inquinanti e non adatte per illuminare locali nei quali si accende la luce magari solo per pochi minuti. Inoltre, l'illuminazione domestica contribuisce in minima parte all'enorme consumo di energia che invece dipende dall'uso smodato di elettrodomestici, compresi i moderni monitor TV (mai grandi abbastanza)

hai idee confuse. Il fotovoltaico sta uccidendo la nostra industria, non il contrario. In italia non si producono pannelli, è tutta roba cinese. L'unica conseguenza è che con queste bollette tante aziende chiudono in italia per aprire all'estero.

Ecco a chi danno fastidio le energie rinnovabili: altro che costi per la collettività. Leggete qui:http://www.qualenergia.it/articoli/20120329-ecco-chi-danno-fastidio-le-rinnovabili

5)il peggio deve ancora venire, il conto energia ormai è fuori controllo, qualcuno parla di traformarlo da prelievo in bolletta ad accisa sulla benzina(già, con la benzina a 2 euro sti qui la aumentano ancora), in generale non si sa come pagarlo. E'il classico fenomeno da bolla, e finirà come tutte le bolle: pagheranno i fessi che installano impianti da 50000 euro e un giorno (atteso nei prossimi 12 mesi, non secoli) si vedranno azzerare gli incentivi

3)siccome la produzione delle rinnovabili non è programmabile le centrali termoelettriche vanno lo stesso, quindi il risparmio di CO2 non c'è...
4)le lampadine a basso consumo sono a lunga durata e basso consumo, con risparmio reale in bolletta, il problema è il loro prezzo elevato e il loro smaltimento (per il mercurio che contengono)

troppe castronate nei commenti:
1)gli incentivi pesano sulla bolletta di tutti, il loro peso nel 2011 è stato 10 mld di euro circa, nel 2012, se non si fermano le installazioni, sarà superiore
2)senza incentivi il fotovoltaico si ripagherebbe in 50 anni circa, sperando che i pannelli durino 50 anni e non ci siano guasti, grandinate.... insomma è in perdita

x Mario di Ravina
I soliti blog scritti da disfattisti con la mano sul portafoglio!
La produzione di fotovoltaico in Italia nel 2011 è stata di 3,5 Gw su un totale di fabbisogno di 53.000 Mw ed è in crescita.
Se non ci fossero questi impianti bisognerebbe importare la stessa energia dall'estero e il costo sarebbe superiore.
Non si trascuri infine l'impatto ambientale. La gente con il portafoglio al posto del cuore si è visto che danni provoca al mondo intero!

per @matteo

credo che non sai cosa paghi allora!
quello di cui parli tu sono gli ALTRI ONERI...che comprendono ANCHE il fotovoltaico...quello di cui parlo io è l'opzione verde (enel), appunto facoltativa!
"è la diretta conseguenza della crescita del costo dell'energia elettrica per i produttori"
leggere prima di commentare!!

mi sa che devi aggiornarti

Clini: sulle bollette gravanpo oneri impropri, come per il Cip 6, per il nucleare, per gli sconti concessi alle grandi industrie come le acciaierie.
Mettere in contrapposizione la riduzione della bolletta energetica e il sostegno alle fonti rinnovabili è un errore strategico. Rischiamo di uscire dal settore delle rinnovabili, penalizzando l'industria nazionale, aumentando la disoccupazione: sarebbe come abbandonare la telefonia negli anni Ottanta».

il fotovoltaico di oggi ha un rendimento basso, per cui non vivrebbe senza un giusto incentivo; è innegabile che ci siano state speculazioni che hanno in parte stravolto la logica dell'incentivo, e a queste va posto sicuramente rimedio. Mi auguro che la ricerca ci dia nei prossimi decenni un fotovoltaico a basso costo.

Il fotovoltaico è una bufala...
Sta in piedi solo con i contributi pubblici!
E i soldi dei contributi sono quelli di chi paga la bolletta!
http://johnmaynard.wordpress.com/2010/05/21/quanto-conviene-il-fotovolta...

Nulla di più falso dei costi incrementati a causa delle energie rinnovabili! Articoli di questo genere sono fuorvianti dalla realtà e portano confusione. Giornalisti, documentatevi meglio prima di scrivere! Le energie rinnovabili non incidono in maniera significativa sulle bollette, come invece si vuole far credere. Proseguo qui:www.marcoianes.blogspot.com
Marco Ianes - Docente di impianti ed elettrotecnica, progettista nel settore energia.

x Matteo Galante
E' evidente che gli incentivi vanno rivisti, anche se quando si è parlato di eliminarli o ridurli drasticamente c'è stata una levata di scudi da parte soprattutto degli artigiani (e bisogna capirli).
Per quanto riguarda il corrispettivo per l'energia immessa, ti assicuro che è molto basso e che conviene molto di più autoconsumare che vendere l'energia.

La truffa delle lampadine a basso consumo.
A casa mia non ho mai cambiato tante lampadine da quando uso quelle a basso consumo; alla faccia del risparmio!!!

facoltativa? ma dove vivi? scommetto che non la paghi tu la bolletta ma mamma e papà

forse bisogna ,ok dare incentivi , ma che gli venga anche pagata l'energia che producono in più mi serba veramente esagerato .
o l'incentivo oppure ti arrangi a fare l'investimento e l'azienda energetica ti paga il giusto per l'energia che immetti nella rete .
come accade ora ,tutti dobbiamo pagare con l'aumento delle bollette gli incentivi che danno ,soprattutto a chi a già soldi ,altrimenti non farebbero l'investimento!

Per chi ancora non l'ha capito: l'era dell'energia a basso costo è finita!
Forse se ne riparla con l'idrogeno, ma per adesso prepariamoci a pagare sempre di più (benzina docet).

Anche gli inceneritori contribuiscono all'ENERGIA VERDE!!!!!

Il vero salasso dell'energia verde è stato vendere lampade che definiscono a basso consumo quando costano di più e durano pure meno. Se poi si rompe una a fluorescenza attimi bisgona chiamare una ditta specializzata di disinfestazione...
Pure i bulbi alogeni durano meno e consumano di più rispetto alle vecchie a incandescenza. Se si resauriscono c'è il rischio che scoppiano pure

Alla faccia della salute e del risparmio

perchè questi titoli falsi??
non mi pare che nell'articolo ci sia scritto che gli aumenti sono per sostenere l'energia pulita!!
anche perchè la "quota verde" (o come viene chiamata da ciascun fornitore) in bolletta è FACOLTATIVA!!

è ora di fermare questa corsa demenziale al fotovoltaico, che costa un sacco, ci lascia senza lavoro e lo da ai cinesi

Passera: "Stop agli incentivi sulle rinnovabili"

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
I commenti sono limitati ad un massimo di 500 caratteri.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.
Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Tag

Vedi anche

da :

assolutamente vero grazie

23-10-2014 16:54
Bibi :

Se tutti, compreso L'Adige smettessimo di nominarlo, finirebbe come tanti altri, nel meritato...

23-10-2014 16:51
ron :

veramente un vigliacco perche è tornato a casa per prendere il coltello. era talmente pieno di...

23-10-2014 16:49
mariano :

Ho sfogliato vocabolari e dizionari,ma la parola "aritmologia" non l'ho trovata.

23-10-2014 16:42
Bibi :

Non mi sbilancerei molto sull'argomento visto la qualità della sanità trentina e dell'...

23-10-2014 16:39