Soccorritori Cri sulle piste   Un migliaio di interventi

VAL DI FASSA - Un migliaio di interventi ogni anno nelle Ski aree di competenza: questa l'attività dei venti volontari della Cri che fanno parte dell'Unità Soccorso Piste Val di Fassa. Quello ladino è il gruppo più consistente. L'unità soccorso piste della Croce Rossa Italiana del Trentino, infatti, è composta da oltre quaranta operatori che svolgono la propria attività di soccorritori con gli sci ai piedi e che si vanno a sommare ai 400 presenti sul territorio nazionale, tutto personale che può vantare una preparazione all'avanguardia e in linea con i modelli nazionali ed esteri. Naturalmente, questa attività, richiede agli operatori una formazione assai impegnativa e dispendiosa, dal momento che devono conseguire, oltre all'abilitazione per prestare il servizio sanitario 118 in ambulanza, anche un brevetto speciale riconosciuto a livello nazionale per poter svolgere questo importante servizio sulle piste da sci. Il corso di formazione è assai difficile e selettivo: una prova pratica impeccabile è seguita da un colloquio. Dopo le preselezioni, l'inizio del corso specialistico prevede una parte teorica ed una pratica come: manovre di elisoccorso, di rianimazione, nozioni di ortopedia, nivologia, meteorologia e quant'altro riguardi il primo intervento in emergenza sulle piste. In questa formazione sono impegnate anche le forze dell'ordine impartendo lezioni sulla responsabilità penale e civile dell'operatore. Mentre in passato, questa importante attività veniva svolta dalle diverse sezioni Cri in maniera autonoma, confidando sull'esperienza e sulle capacità personali dei propri volontari abilitati al servizio in ambulanza e senza criteri comuni tra le diverse aree sciistiche, ultimamente si è sentita l'esigenza di adottare dei protocolli d'intervento riconosciuti e utilizzati a livello nazionale.
Il Comitato Locale Val di Fassa, dall'anno 2002, possiede un'unità di soccorso piste; ed il gruppo è composto da circa una ventina di operatori, tra cui assistenti sanitari ed infermieri specializzati. Annualmente, l'Unità Soccorso Piste Val di Fassa, presta regolarmente il proprio servizio presso le Ski aree: Belvedere (Canazei); Lusia (Moena); Buffaure (Pozza di Fassa); Ski Stadium Aloch «servizio notturne» (Pozza di Fassa); Ciampedie (Vigo di Fassa); affiancando e collaborando con Polizia di Stato, Finanza e Carabinieri. L'ottima sinergia tra la Croce Rossa e le Forze dell'Ordine è un cardine importante del servizio di assistenza offerto ai villeggianti presenti nelle nostre valli, e mai come oggi i contributi di tutte le parti risultano una necessità. Di anno in anno, infatti, vengono stipulate varie convenzioni proprio con i gestori degli impianti di risalita, che garantiscono la presenza degli operatori Cri e delle forze dell'ordine in diversi comprensori sciistici e dove, i volontari, sono riusciti a garantire la presenza assidua e continua di un infermiere professionale abilitato nel soccorso, figura sempre più ricercata e voluta per qualsiasi intervento svolto. I circa 1000 gli interventi effettuati ogni anno dai soccorritori ladini nelle aree di loro competenza sono un dato di cui essere fieri e che fanno emergere l'importanza di questa componente speciale del soccorso; un'unità che andrà sempre più ampliandosi come la sicurezza di chi, da sempre, si diverte sulle piste.

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
I commenti sono limitati ad un massimo di 500 caratteri.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.
Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Tag

cittàchiusa :

Conosco da molti anni il farmacista arrestato, una bravissima persona... Credo sia ancora tutto...

24-10-2014 23:19
El Zinzega :

Andate a vedere la foto che gli scattò il marito nel 2011, appena sveglia, prima di mettersi in...

24-10-2014 23:17
Sicomoro :

In Trentino basta (e avanza) un e dico un governatore, non rieleggibile, possibilmente, mochéla...

24-10-2014 22:52
El Zinzega :

Sono stati assolti per il reato di evasione fiscale, perchè la c.d. "esterovestizione" (cioè...

24-10-2014 22:34
tulliosan :

Tra le tante eredità negative dell'ex principe Lorenzo ci sono le Comunità di Valle. La fusione...

24-10-2014 22:32