Allarme costi, Asis in rosso

L'esplosione dei costi porta in rosso i conti di Asis, l'azienda speciale del Comune che gestisce gli impianti sportivi. Dalle prime stime sui conti 2011, mentre i ricavi si mantengono abbastanza stabili vicino a quota 8 milioni e mezzo di euro, le spese avrebbero ampiamente superato i 9 milioni, con una perdita sull'attività caratteristica che potrebbe non essere lontana da 1 milione di euro. Il consiglio di amministrazione, presieduto da  Francesco Salvetta , ha varato la bozza di bilancio nei giorni scorsi ed è possibile che, considerando tutte le voci, il risultato negativo definitivo sia più contenuto. Ma l'assessore allo sport  Paolo Castelli  conferma l'esistenza del problema: sull'Asis pesa l'aumento dei costi, soprattutto dell'energia. E con il taglio di 400 mila euro nei trasferimenti dal Comune previsto per il 2012 lo squilibrio potrebbe aggravarsi.


È lo stesso Castelli a spiegare i conti, provvisori, dell'azienda speciale sulla base delle relazioni trimestrali che Asis trasmette alla giunta comunale. Gli incassi da centri natatori e piscine, la parte più importante dei ricavi propri, si sono attestati l'anno scorso a 1 milione 176 mila euro, pressoché stabili sul 2010, quando erano a 1 milione 178 mila euro, anche se meno del 2009, quando erano stati di 1 milione 191 mila euro.


Il complesso dei ricavi da impianti sportivi, compresi quindi palestre, stadio del ghiaccio, sci, atletica leggera, ammonta invece a poco più di 2 milioni 100 mila euro, contro i 2 milioni 119 mila euro del 2010 e i 2 milioni 97 mila euro del 2009. Gli incassi si dividono all'incirca a metà tra quelli che arrivano dall'utenza individuale e quelli dalle utenze associative. A proposito di associazioni, nei giorni scorsi  Renato Pegoretti , presidente del consiglio comunale, ha presentato un'interrogazione al sindaco  Alessandro Andreatta  in cui si chiedono i dati relativi ai crediti di Asis nei confronti di privati, società sportive o altri soggetti.

... SOBRIETA', IN TUTTO E PER TUTTI... SOBRIETA'

....giusto corvo rosso....

ma bisogna anche far pagare le società sportive inadempienti....ad esempio mi è giunta voce di due società calcistiche di trento (abba grasse) che non pagano l'asis da molto tempo....

...iniziamo a ridurre i compensi del consiglio di amministrazione , inoltre se non presentano un piano credibile per rientrare dal deficit con economie anche da parte loro a casa......

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
I commenti sono limitati ad un massimo di 500 caratteri.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.
Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Tag

aletat12 :

altri tempi..ormai l'umanità si stà mescolando..e forse sotto c'è un senso altro che si fatica a...

25-10-2014 21:04
orlando :

Incominciamo a chiamarla con il suo vero nome: CANAPA : una pianta utilissima che è servita per...

25-10-2014 21:00
Paperoga :

una volta che avremo l`indipendenza dichiareremo francesco da riva`persona non grata. :-(

25-10-2014 21:00
Paperoga :

500 trentini sono meno dei sindacalisti CGIL (RSA compresi) e dipendenti del sindacato.
se...

25-10-2014 20:55
ilda frioli :

Ma non si sono accorti i sindacati che è fuori moda fare queste manifestazioni???. Io dico a...

25-10-2014 20:52