Gli studenti di Borgo  in  India a meditare

0_5061665.jpgBORGO - Un viaggio di studio di 12 giorni, migliaia e migliaia di chilometri con protagonisti 16 studenti (9 ragazze e 7 ragazzi) delle classi terze e quarte dell'Istituto Degasperi. Dal 31 gennaio all'11 febbraio sono stati in India nell'ambito del progetto di gemellaggio «Trentino e India: un percorso fra modernità e tradizione», realizzato in collaborazione con la Provincia.

 

Dopo mesi e mesi di preparazione, accompagnati dal dirigente scolastico Paolo Pendenza , dagli insegnanti Giovanna Beber e Lorenzo Rigo e dall'esperta esterna Luisa Bonetti , è stata raggiunta la prima meta del viaggio: Jaipur, capitale del Rajasthan, dove il gruppo si è fermato per tre giorni. Un mondo completamente diverso, gente che vive sui marciapiedi mentre sulle strade c'è un traffico infernale. Nei giorni successivi è stato visitato un osservatorio astronomico con le meridiane più antiche del mondo (in India l'astrologia è una scienza studiata all'università), poi i palazzi dei Marajah e i templi induisti.


La seconda parte del viaggio ha portato gli studenti a visitare lo stato meridionale del Kerala, proprio quella dove sono stati bloccati i due marò italiani nei giorni scorsi. E qui i ragazzi del «Degasperi» hanno affrontato, e brillantemente superato, una sorta di prova di sopravvivenza. Si trattava infatti di trascorrere un intero fine settimana nell'ashram Sameeksha, una comunità per la ricerca spirituale interreligiosa gestita da padre Henry, sacerdote cristiano. Gli studenti hanno sperimentato che il fare non è l'unica dimensione dell'esistere, che salutando il sole all'alba si impara ad ascoltare il silenzio, che meditando e facendo yoga si entra in un contatto più profondo con se stessi e con gli altri.
Il soggiorno è proseguito presso le famiglie indiane della «Viswajothi CMI Public School» di Angamaly, la scuola che ha partecipato al gemellaggio.

 

E come da tradizione, in India Athiti devo bhavah («l'ospite è come un dio», dalle Upanishad): i ragazzi sono stati coperti di fiori, regali, applausi, danze e musica. Tra le attività a scuola (yoga, danze tradizionali,materie scientifiche), le uscite pomeridiane (visita ad una ditta di lavorazione del pepe, ad uno stabilimento di raffinazione del riso, gita in barca sulle tipiche backwaters , canali lagunari che si intersecano nel paesaggio tropicale) e le serate con i coetanei indiani, il tempo è passato velocemente. I ragazzi sono tornati a casa, ma tra poche settimane arriverà in Valsugana un gruppo di studenti indiani, ospiti a Borgo con tre insegnanti e il vice preside della scuola. Arriveranno alla metà di aprile e trascorreranno una settimana che sarà ricca di eventi sia per il «Degasperi» che per l'intera comunità. M. D.

21 commenti

Sono contento che ci siano risorse in avanzo per il sistema scolastico, grazie alla buona amministrazione della PAT.
Ma anche quando ci sono soldini in avanzo, bisognerebbe utilizzarli con oculatezza, altrimenti si dà voce a chi contesta in toto la nostra autonomia...

gli studenti di Cles
una settimana a Boston
nell'ambito di...
in collaborazione con...

Semplicemente scandaloso! Paventare un viaggio culturale, utile solo al sollazzo di 4 adulti! E con soldi pubblici.. Ma la Corte dei Conti che fa??

Ha ragione Livio, il fatto è che non è ammissibile in questi tempi farsi un viaggio indimenticabile con i soldi pubblici. Senz'altro sarà indimenticabile ma sopratutto per noi, popolo, che te lo abbiamo pagato!!!!

Cara Anna, ci mancherebbe che non abbiano fatto un viaggio indimenticabile, ma la questione non sta qui. Troppo facile.

Evviva! Finalmente per una volta nella vita questi ragazzi hanno fatto un viaggio (protetto) indimenticabile che ricorderanno per tutta la vita.

Ma il Rigo è lo stesso che ha fondato il partito "Aria pulita" a Borgo? Siamo messi bene, complimenti davvero. Chissà cosa insegna...

Ma il prof. Rigo non è quello che da anni si batte in prima linea contro l'inquinamento in Valsugana compreso il traffico aereo che gli passa sopra la testa tutti i giorni? Lui in India come lo hanno spedito...con la carriola?
Un altro personaggio che in Valsugana predica bene ma razzola male.

Dal sito della scuola (http://goo.gl/tP2Z5) si apprende che il viaggio di studio è stato finanziato dalla PAT. Ciò che più mi incuriosisce però è il ruolo, il compenso e l'attività di quella che viene definita "esperta esterna".

nessuno risponde per la spesa sostenuta, ma un buon giornalismo e/ giornalista invece che fare articoli somiglianti a della pubblicita redazionale potrebbe/dovrebbe cercare e pubblicare anche la spesa sostenuta... o no??

MA SIAMO SERI DAI!!!!

E dopo tanta meditazione....
Tutti al centro commerciale!!!

Ma per piacere...

realizzato in collaborazione con la provincia???? Perche' proprio loro? ..ed i loro compagni????? cara provincia abbiamo tutti bisogno di viaggi "studi " anticrisi ed antistress ...cosi siamo tutti contenti e nessun che si lamenta!!!! E LE ALTRE SCUOLE?????? certe non hanno neanche i fondi per fare una semplice gita !!!!!!! per favore mi indicate quest'uffici provinciali generosi che io non li trovo mai.....

Come precisato da Renzo, l'astrologia NON E' una scienza. L'astronomia e' la scienza che ha utilizzato le meridiane nei tempi antichi. Da ex liceale (Galileo Galilei) tanti anni fa (e con un economia non cosi disastrata) non c'erano i soldi neanche per una gita di due giorni a Venezia. Ora grazie alla magnadora si va in India, da emigrato vi dico che avete perso il contatto con il mondo.

A quando le casalinghe in Sud Africa, gli avvocati alle Bahamas e i pensionati provinciali a Marrakesch ? Avanti Provincia che siamo in tanti ad aspirare a un pò di turismo "culturale".

Senza parole. Ma ci sarà qualcuno in provincia che paga per tutto questo sperpero ?

L'astrologia è una scienza e per di più studiata all'università. Vedo che c'è proprio molto da imparare.

Certo che prima di spendere tutti quei soldi era meglio fare la manutenzione ordinaria in Istituto.
Sono tre anni che mancano le porte dei bagni, per non parlare di altro.
Ad Majora !!

E i due maro che fanno vanno a visitare i nostri studenti?? Vergogna.

Quanti soldi buttati! Poi per 16 ragazzi vengono inviati anche 4 adulti tra cui il dirigente scolastico che così evita di lavorare per due settimane e si fa una bella vacanza pagata da noi in India.

perchè accostare astronomia e astrologia?....sarebbe utile conoscere la spesa sostenuta dall'ente pubblico.. così per una migliore valutazione dell'iniziativa

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
I commenti sono limitati ad un massimo di 500 caratteri.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.
Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Tag

Nadia56 :

Un grazie sentito a chi ci fa ridere quasi ogni giorno.

19-09-2014 20:59
rf :

Quanta ipocresia e falsità che gira. Da che mondo e mondo povera la Maddalena.

19-09-2014 20:57
mah :

io devo ancora capire se la prostituzione è no non è un reato. se non lo è, come credo, perchè i...

19-09-2014 20:57
Lucio F. :

Rossi,regala ai tuoi sudditi pistole con tranquillante(in dosi da Orso),che ne abbiamo bisogno....

19-09-2014 20:56
Paolo da Trento :

A mio modesto parere il presidente Rossi farebbe bene ad occuparsi di problematiche attinenti al...

19-09-2014 20:55