Gino Lunelli ai giovani:  «Il posto fisso è la morte»

CLES - «Nel lavoro bisogna conquistarsi tutto, il posto fisso è la morte, solamente l'entusiasmo nel fare l'imprenditore di se stessi porta al successo».

Sono questi alcuni dei tanti pensieri proposti da Gino Lunelli , noto imprenditore trentino, presente venerdì sera a Cles alla tavola rotonda organizzata dal consigliere provinciale Mario Magnani per ragionare su giovani e lavoro. Intorno a lui alcuni neo-imprenditori nonesi che hanno avviato interessanti attività di lavoro autonomo in diversi settori.

Gino Lunelli ha espresso la sua visione del mondo lavorativo odierno senza mezzi termini parlando di un'Italia scassata e di un mondo del lavoro allo sbando.

«Oggi sembra che tutto ruoti intorno all'articolo 18 - ha detto Lunelli - ma pochi ricordano che tale articolo quando proposto non venne votato dalle sinistre che oggi lo reputano intoccabile. Oggi un giovane deve avere il coraggio di scendere nell'agone, inventare qualcosa di nuovo, sperimentare e combattere».

Secondo Lunelli il successo può essere ottenuto anche da dipendente, una parola che dovrebbe essere sostituita con collaboratore perché il personale di un'azienda è il vero capitale sociale.

Neppure la politica e gli amministratori sono usciti indenni dal Lunelli pensiero. «Ricordatevi ragazzi che prima siamo cittadini e poi sudditi della Provincia Autonoma di Trento. Abbiamo perso troppi anni per l'immobilismo statale ed ora è necessario uno scatto di orgoglio per diventare imprenditori liberi, solidali e vicini alla propria comunità».

Tanti applausi ma anche qualche faccia perplessa quando Lunelli ha dichiarato che sarebbe ora di superare il feticcio della casa a favore dell'innovazione, della formazione e dell'internazionalizzazione. Giordano Dallago , contitolare della Dalmec Spa, raccontando la sua storia ha ritenuto fondamentale il suo periodo di formazione all'estero, lontano da casa in un contesto economico e sociale diverso. Ilaria Magnani e Paola Piazzi hanno testimoniato le difficoltà di una giovane donna nel costruirsi una posizione lavorativa da imprenditrice. Jari Ognibene fondatore della Hub Trentino e Michele Eccel , progettista di prototipi tecnologici, credono che la ricetta per il successo lavorativo sia la voglia di scoprire e di imparare dagli altri per proporre al mercato soluzioni innovative.

92 commenti

http://www.cantineferrari.it/it/Contattaci.asp
Mandiamo un pò di commenti in una delle sue aziendine, tipo:
LE SUE IDEE MI HANNO PROPRIO STUFATO, COSI COME I SUOI SPUMANTINI CHE NON COMPRERO' PIU'. MI SFORZERO ANCHE DI FARE TANTA, TANTA PUBBLICITA' IN OGNI OCCASIONE E LUOGO

Se sul posto fisso si può discutere a torto o ragione per una vita, non concepisco in democrazia l'attacco personale. Gino Lunelli non è il Berlusconi trentino...è una persona seria !Non sempre "fare fortuna" significa danneggiare gli altri e fare i furbetti !

Gino, visto che sei stato tanto generoso da darci dei consigli, ne voglio dare anch'io uno a te: stai zitto.
Mantieni la dignità se ancora ce l'hai, perchè quella non la compri nè con i soldi dell'azienda nè con i contributi della Provincia.

Il posto fisso è la morte? Ci credo, con tutti quelli che stanno sulla "carega" e non la mollano mai a costo di morire. Semmai sono gli altri a morire avendo creduto alle loro promesse demagogiche.

Ahi ahi ahi, Lunelli, te sei restà 'nte na taiola! L'è fazile parlar da'n zima a'n castel!
Monti docet.

Leggo che molti conoscono le scorciatoie di Gino - aggiungo la villa Margone che stranamente è finita fra le proprietà della danarosa famiglia - ha parlato troppo e male, tralasciando di informarci dei contributi provinciali ricevuti - non mi piace lo spumante Ferrari -

Bravo sig. Lunelli, visto che il posto fisso è monotono,come fosse un'abitudine,e quindi noiosa come tale, da oggi io non comprerò mai più il suo prodotto al quale ero troppo abituato!
D'altronde esistono spumanti e champagne con un rapporto qualità prezzo migliori del suo!

Fa abbastanza ridere che la notizia pubblicata dopo questa siano gli intoccabili vitalizi dei nostri politicanti... Altrochè lavoro fisso! Non lavorano neppure per quello stipendio!!!!

P.S.: si dice che la prima generazione crea, la seconda allarga e la terza rovina una azienda. La famiglia Lunelli opera con grande rigore da generazioni. Tanto di cappello per tutti i traguardi... ma al resto dei Trentini, cose ne va o ne viene di quello che un Lunelli dice?

Che l'Italia ed il mondo del lavoro stiano e debbano cambiare, non stento a crederlo. Si andra' incontro a maggiore flessibilità e lo spread del rischio verrà distribuito con formule nuove. Serve molto uscire dal Trentino per imparare... pero' ci sono belle teste anche chi in Trentino non ci tornano più.

Certo che coraggio dire che il posto fissoè la morte e che la casa propria è una fissazione. Detto da chi è padrone di 1/2 Trento e ha figli, nipoti e pronipoti a posto fisso nell'azienda di famiglia certe parole suonano come un dileggio se non un'offesa. Per piacere i soldi possono dare tutto, ma non danno certo il diritto di credere che il resto del mondo è formato da cretini!

Caro Gino Lunelli, se il posto fisso è la morte, dico W la morte! Come mai i suoi figli e nipoti, senza fare concorsi pubblici, sono inseriti nella Ferrari spumanti tutti come direttori o dirigenti FISSI? Scenda dal pulpito, che di prediche inutili siamo stufi!

lunelli DIFENDITI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!lascia tutto e vai all'estero con in tasca solo 1000 euro e cercati un lavoro

Ho esperienza pluriennale estera. Guadagnavo sei volte quello che guadagno. Questo ripagava il turn over lavorativo. Nel 96 SOLO del patto di non concorrenza prendevo 1.200,00 Euro. Lunelli adotta le stesse retibuzioni per i suoi dipendenti?

allora dunque, studio per diventare ingegnere, lo faccio per un paio di anni, poi faccio l'elettricista e poi l'infermiere, poi guido i treni,poi gli autobus dell'atesina, mi compro un'azienda e poi cambio per fare il lavapiatti...direi molto intelligente

Le uniche società in cui tutti potevano essere imprenditori di se stessi erano quelle esitenti prima della scoperta dell'agricoltura, circa 10.000 anni fa. Qualcuna è sopravvissuta fino ai giorni nostri: aborigeni, papuani, indios dell'Amazzonia. In tutte le altre ci sono datori di lavoro e dipendenti.

Nessuno che abbia capito che tutte queste dichiazioni al limite dell'infamia, sono anche il prodotto della ricerca accurata dei giornali. Cercano "Testimonial", per giustificare la futura scomparsa dell'articoo 18. Chi sarà il prossimo Vip a fare la guerra all'articolo 18?

Caro Cav. Lei parla tanto del posto fisso.
Tanto Lei non ha figli.A chi lascia il tutto, ai suoi cari nipoti che così si trovano già il posto fisso.E'facile parlare quando si ha pancia piena.

Sono precario, sono sottopagato, non sono imprenditore di me stesso, ma SONO FELICE!!! Per questo motivo non accetto lezioni di vita da nessuno, men che meno da politicanti sul viale del tramonto e lontani anni luce dalla vita.

Il Sig. Lunelli lo sa che senza un contratto a tempo indeterminato devi impegnarti anche un rene per avere un mutuo dalla banca?

Provi anche lui a vivere da precario con pochi soldi al mese, una famiglia da mantenere e magari un mutuo da richiedere!!!

Non ho capito bene se è considerato posto fisso anche lavorare tutta la vita nell’azienda ereditata dai genitori, magari nel settore vitivinicolo?
Io sarei felicissimo di cambiare lavoro ogni due anni, però mi sa che dovrò tenermi ben stretto quello che ho, con l’aria che tira trovarne un altro è pura fantascienza.

bravo Lunelli, allora perchè non si licenzia ??? e magari lo consiglia anche ai suoi famigliari, che sono tutti al lavoro nella ditta di famiglia....
Lo dica ai suoi figli di licenziarsi a vedere come le rispondono !!!

Sinceramente io, precaria da anni, non accetto certe dichiarazioni da un imprenditore che lavora da sempre nella stessa azienda e che la lascia, non per meritocrazia ma per legami di sangue, ai figli, che quindi hanno il posto fisso a vita per loro e per i loro figli (posto fisso che a questo per la fam. Lunelli non è la morte...)

23 agosto 2011

Alla Ferrari contributi per l'estero
La Provincia assegna 285 mila alla cantina di Ravina per la promozione

Gino se stai zitto siamo tutti più contenti!

Bravo Lunelli, parli bene tu. Devi solo ringraziare il Cavaliere del lavoro, nonchè Ing. e noto imprenditore trentino ed italiano Ito Del Favero, al quale tu hai perfino girato le spalle, dopo che ti ha "allevato" IMPRENDITORIALMENTE come un figlio. Bravo

Hugo, perchè chiami "marchese" il sig. Gino? Potranno fare tutto, ma certo non possono inventarsi una nobiltà che non hanno mai avuto.

Ha ragione: il posto fisso è la morte. Di chi non ce l'ha!
Ps:anche le bollicine dovrebbero accendere il cervello prima di "farsi bere".

per incentivare giovani,meritocrazia e professionalità potrebbe la fam. lunelli avvalersi dello strumento dei concorsi di progettazione quando costruiscono?come accade in suedtirol ad esempio!si legga "il giornale dell'architettura" di questo mese...o turrisbabel del mese scorso...invece di resuscitare l'artista(ottimo ma non progettista di certo) pomodoro per la nuova cantina toscana?

dai gino hai ragione! vendi al prezzo simbolico di 100€ una delle tue aziende ai migliori 10 ragazzi con formazione trasversale e necessaria per l'azienda stessa. largo ai giovani.per merito.in fondo è ora di cambiare mestiere no?

Caro Lunelli, prova a vivere con 1000 euro al mese(... oggi abbiamo scoperto di essere peggio della Grecia in questa classifica),dopo 20 anni essere licenziato e quindi trovarti a 44/45 anni a cercare lavoro! Allora sarebbero accettati i tuoi commenti... altrimenti di gente che fa muover l'aria nè abbiamo abbastanza !! W il posto fisso!!

è curioso come quando si venda il vino si punti sulla "tradizione" e dalla storia di una cantina.più la cantina è vecchia maggiore è la qualità,la ricerca del buon vino.in poche parole maggiore è la PROFESSIONALITà. mi è difficile quindi comprendere la demonizzazione del posto fisso,garanzia,appunto,di professionalità.misteri della fede...

giusto lunelli! perché non assumi a rotazione 300 giovani laureati per sei mesi con uno stipendio decente?fai una gara,un concorso..che ne so...
affidati a lavoratori giovani quando hai bisogno di un servizio e non dai soliti...mah.il discorso potrebbe anche filare ma non comprendo la demonizzazione del lavoro fisso.poi da che pulpito!!!

A Lunelli forse le bollicine hanno dato alla testa: io ho lavorato col posto fisso e non ho mai sentito odore di morte, al contrario ho sperimentato senso di tranquillità e sicurezza, garanzia di serenità e prospettive certe.
A Suor Carla: il suo è un posto fisso?

Il Gino è il solito.. Mi ricordo che per l'acqua Surgiva pagava 10'000 € di concessione per la fonte... Praticamente "regalada", come piace a lui... se la concessione me la vendesse a me per 20'000? io rileverei Acqua Surgiva domani mattina "gh'ho chi l'assegno Gino!" . I vecchi tromboni farebbero meglio a continuare i loro affari al di fuori di ogni concorrenza standosene elmeno un pò zitti

Lunelli ha perso una buona occasione per starsene zitto. Sono d'accordo con Rox: BOICOTTARE I PRODOTTI di questi arroganti palloni gonfiati mi sembra un ottima idea. Facciamo girare la voce ...

Non conosco ricette.Conosco i fatti.Senza posto fisso NIENTE MUTUO,niente futuro e niente sciurezza!Gente che parla x gli applausi ma che la VITA VERA manco da lontano sà cosa sia!

Ha ragione. Se però le avesse dette un quarantenne venuto dal nulla con anni di esperienze varie e nessuna azienda ereditata, avrei accettato di buon grado quanto detto.Realizzarsi in quel modo è facile, anche se uno ci mette tutto l'impegno e la passione del mondo.

quello che è davvero insopportabile, è la faccia tosta di certi personaggi che non solo non si accontentano di essere dei privilegiati, ma pretendono anche di farti la predica. Premier in testa: figlio di un direttore di banca, dice "che noia il posto fisso" però ha accettato lesto il posto di senatore A VITA. Ma perché questa gente non ha almeno il pudore di stare zitta?

La questione banche è vera e la cosa va cambiata, anche se purtroppo i tempo sono quelli che sono ...

Ma l'idea di base espressa da Lunelli E' SACROSANTA.
Bisogna un pò finirla con questa storia del lavoro fisso e dipendente !! guardate in Germania o America come funziona il lavoro.
Bisogna essere un pò più coraggiosi e se si hanno idee, svilupparle !

Caro signor Lunelli:
ha ragione il posto fisso è una monotonia! Ma mi spiega una cosa?
Come mai tutta la sua generazione di eredi, dai figli ai nipoti e pronipoti hanno tutti un POSTO FISSO nella sua grande azienda e non per meritocrazia ma per ereditarietà???

Grazie marchese Lunelli, il suo radicamento nel territorio ha sempre portato vantaggi alla gente trentina: per fortuna ci sono persone che possono prendere in mano le aziende di famiglia, conquistarsele con la meritocrazia dell'albero genealogico, o magari con qualche bel brindisi politicante innaffiato dalle bollicine...complimenti a tutti i figli di papà!

Va bene per chi "vive per lavorare" e meno per chi "lavora per vivere"...

Se mio padre morendo mi avesse nominato erede di un'"impero economico" dove i "miei dipendente" "possono" lavorare 24 ore su 24 mi sarei messo a fare la concorrenza a Lapo. Per inciso chi ci sa fare è molto probabile che riesca nei suoi progetti: chi non risica non rosica e conta molto il talento e l'intelligenza individuali. Per le prediche agli altri bisogna convivere con la "coscienza tranquilla".

Comodo signor Lunelli fare le prediche quando si hanno soldi come ne ha lei. Giusto per questo, trovo la sua uscita insopportabile e da oggi non consumerò più prodotti da lei commercializzati o realizzati.

PROVOCAZIONI DETTE DAI SOLITI UOMIMI, O DONNE
GENERALMENTE MOLTO DANAROSI E POTENTI
Perché additate sempre i giovani con lezioncine acide e sterili ma dove vive questa gente! Dovere morale di dare un lavoro ai giovani possibilmente FISSO PER POTER ACCEDERE A UN CREDITO, FARSI UNA CASA, UNA FAMIGLIA E DOMANI UNA PENSIONE.
(Come spesso accade, chi fa queste affermazioni ha già sistemato figli e parenti con il posto fisso e ben pagato)

Nessun operaio ha mai potuto evadere o vendere in nero , ti becchi a fine mese i tuoi 1200-1400 euro e vivi. Cé chi invece può sognare e avere la villa in montagna la villa al mare e un bel conto in Svizzera , spero anchio alla fortuna
VIVA L'ITALIA

sono un'insegnante della scuola primaria, mi piace il mio lavoro, lo faccio con passione e dedizione da 32 anni. Non mi sento affatto frustrata nè annoiata dal fatto di avere un posto fisso che non permette di fare carriera e soldi..

Come non ce ne fossero abbastanza di emigranti che per un tozzo di pane abbandonano il proprio paese e gli affetti più cari.D'altronde un determinato territorio sopporta un corrispondente determinato carico di persone. Vedi solo Trento, quattro gatti, che hanno devastato un fondovalle con un'urbanizzazione da "favelas". La ricchezza di una società è prodotta con lo scambio merci e il suo relativo "guadagno" sui costi. Ora siamo alla resa dei conti sulle scelte scellerate effettuate.

E dei dipendenti che lavorano per liquidare i contributi che chiedete alla Provincia che ne pensi?? Sono noiosi anche quelli??
Impara a fare l'imprenditore senza soldi pubblici e dopo puoi permetterti di parlare.
Sssssssshhhhhhhh

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
I commenti sono limitati ad un massimo di 500 caratteri.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.
Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Tag

Francesco - Riva del Garda :

C'è da avere paura a girare in certe vallate del Trentino... altro che orso.

21-10-2014 13:59
Francesco - Riva del Garda :

Altro pericolo per la famosa famigliola e/o donna incinta di 6 gemelli che decidano di recarsi...

21-10-2014 13:52
Francesco - Riva del Garda :

@Alex:...

21-10-2014 13:49
Franzele :

Mah, mi sembra che regni pochezza di idee e scarsa lungimiranza nella classe politica che...

21-10-2014 13:44
matematico :

Chi ha a cuore i conigli vada a vedersi il video (Google: digitare macellazione conigli) e...

21-10-2014 13:41