Rc auto, giù la tassa  rimborsi in arrivo

assicurazione_01.jpgTRENTO - In qualche caso potrebbe trattarsi di pochi spiccioli, in altri di varie decine di euro. Ma di questi tempi ricevere un rimborso, anziché sentirsi chiedere altri soldi per incrementi tariffari o nuove imposte, non è cosa da poco.
Gli automobilisti che hanno pagato l'assicurazione per l'auto dopo il 1° gennaio, riceveranno un rimborso per il «surplus» versato. Motivo? La legge finanziaria della Provincia di Trento, approvata il 27 dicembre scorso e pubblicata sul Bollettino ufficiale regionale del 28 dicembre (dunque in vigore dal giorno successivo), ha infatti previsto una riduzione delle imposte sulla Rc auto: si passa dal 12,5% in vigore fino alla fine dello scorso anno, al 9,5% attuale. La novità è disciplinata al capo 2, nella parte relativa alle «Disposizioni in materia di tributi provinciali e locali». L'articolo 9, comma quinto, in particolare, recita così: «L'aliquota dell'imposta sulle assicurazioni contro la responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore, esclusi i ciclomotori, al netto del contributo previsto dall'articolo 18, comma 1, lettera a, della legge 23 febbraio 1999, numero 44 (Disposizioni concernenti il fondo di solidarietà per le vittime delle richieste estorsive e dell'usura), è ridotta di tre punti percentuali per i versamenti effettuati a decorrere dal 1° gennaio 2012». Una norma che, di fatto, ha preso in contropiede anche gli assicuratori, costretti a correre ai ripari e restituire il 3% in più incassato.
La novità è prevista dal cosiddetto decreto sul federalismo fiscale, che consente alle Province di aumentare o diminuire l'aliquota base dell'imposta Rc auto, pari al 12,5 per cento, in misura non superiore a 3,5 punti percentuali.
Nel caso delle province autonome di Trento e Bolzano, la scelta del legislatore è stata nel segno della riduzione. Altre giunte, come quella di Verona, Alessandria, Bologna, Chieti, Cremona, Pescara e Vibo Valentia, solo per citarne alcune, hanno stabilito un aumento del 3,5%, portando dunque l'imposta al 16%.
Con la differenza che, altrove, i tempi per adeguarsi alle nuove disposizioni e applicare l'imposta con l'aumento o la riduzione percentuale erano di 60 giorni. In provincia di Trento, invece, si dovranno fare le corse, non tanto per le pratiche future (da lunedì si applicherà la nuova imposta), ma su quelle pagate dal 1° gennaio.
Per la gioia dei cittadini, ma non senza problemi per le agenzie di assicurazione, che lamentano di avere appreso della variazione giovedì sera. È infatti arrivata una comunicazione dell'Ania - l'Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici - in ordine alla necessità di restituire ai cittadini che hanno pagato l'assicurazione dal 1°gennaio 2012 ad oggi quanto hanno versato in più.
E gli automobilisti che hanno diritto al rimborso, come conferma Roberto Campana, agente Allianz, la più grossa compagnia per le Rca auto, non sono certo pochi. Anche perché, complice la crisi e le difficoltà di fare quadrare i conti, sono sempre di più i clienti che attendono il quattordicesimo giorno dopo la scadenza, sfruttando i quindici giorni di copertura previsti dal codice civile. Insomma, questa volta, saranno le agenzie - spesso nell'occhio del ciclone per i costi delle rc auto - a dovere mettere mano al portafoglio.
Ciascuna compagnia potrà decidere quale sistema utilizzare per la restituzione del denaro: dal bonifico all'assegno.Gli automobilisti che hanno pagato l'assicurazione sull'auto con l'anno nuovo, dunque, riceveranno un piccolo regalo economico: considerando un premio medio di circa 380 euro, si può ipotizzare la restituzione di circa 11 euro.

10 commenti

Visto l'importo esiguo dei rimborsi, le companie assicuratrici potrebbero difalcarlo al momento del rinnovo delle polizze.
Senza mandar tante carte in giro!
Forse si tratta di un'iniziativa per far vedere che esiste il federalismo fiscale!

Fino oggi non ho ricevuto la differenza. Sa qualcuno fin quando le compagnie lo devono restituirli?

ho chiamato genertel assicurato dal 9/01/2012 dicono che se anche ci fosse da ridare qualcosa poi è aumentato qualcosa vergognaaaa

sulla benzina il 50% di tasse. sull'acquisto il 21% di iva + i.p.t., sul possesso il bollo, ogni 2 anni la revisione, sull'assicurazione il 12,5% di imposta + contributo al s.s.n.; ci danno l'elemosina signori, nient'altro. Ci tolgono 200 e ci ridanno 9.

Ed ancora qualcuno ringrazia la Lega Nord per questi risultati? Che ignoranza.
PS: il nostro caro vecchio (per fortuna) governo B. aveva promesso in piu' occasioni di mettere un freno alle speculazioni delle compagnie assicurative. Ovviamente erano solo spot di B. e dei cari Leghisti investitori in tanzania.

grazie al federalismo fiscale........grazie alla LEGA NORD se solo si avesse il coraggio di fare scelte coraggiose in questo paese chiamato italia.....

A fine mese è il mio turno per regolarizzare le polizze assicurative. Spero di ricordarmi di avere quei euro per berci sopra al valore della nostra Autonomia.

ahah figurarsi se adesso non ci sono i soliti che trovano del marcio anche in questo!!

Questa e' la nostra Autonomia,...bellezza...

Una buona notizia tra tante brutte.

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
I commenti sono limitati ad un massimo di 500 caratteri.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.
Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Tag

Elisabetta Bertini :

Neve che con 15 gradi al suolo si scioglierà subito...ma dai!

21-10-2014 18:33
Griccia :

Suggerisco a Carollo dI darsi al giardinaggio visto il fallimento clamoroso!

21-10-2014 18:25
mezobiK :

Il"grande"Panizza che pontifica sugli sprechi di Dellai:il bue che da del cornuto all'asino.che...

21-10-2014 18:23
vpaulus :

utilizzate OBB.

21-10-2014 18:21
Carneade :

Al peggio non c'è mai fine....

21-10-2014 18:16