Fuochi di S.Martino, spettacolo a Predazzo

fuochi di san martino predazzo foto modicaPREDAZZO - Serata spettacolare e partecipata oltre ogni più ottimistica previsione della vigilia, con alcune migliaia di persone provenienti da tutti i paesi di Fiemme e Fassa, ma anche dall'intero Trentino e da altre regioni italiane. La tradizionale festa di San Martino, celebrata venerdì sera a Predazzo è stata ancora una volta coronata dal più completo successo, dimostrandosi uno degli appuntamenti più popolari e più seguiti. Come da copione, alle 20, dopo il suono delle campane per l'Ave Maria, sono esplosi i cinque grandi fuochi preparati intorno all'abitato, a partire da quello del rione di «Molin» (qui era stata allestita una gigantesca catasta di legna a forma di molino, in piena sintonia con la storia di questa zona del paese), per continuare con la «Birreria», Loze e i «Panèti» (per il rione di Piè di Predazzo), «Ischia» e infine «Sommavilla», il falò acceso per ultimo, con una doppia catasta a forma di numero «11», per ricordare la data particolare della giornata (11 dell'11 del 2011) ed i 900 anni dei atti Gebardini della Magnifica Comunità.

Poi la discesa dei rumorosissimi cortei in paese, con campanelli, campanacci ed ogni altri tipo di oggetto in grado di fare rumore, il ritrovo all'altezza del teatro comunale e la sfilata tra due imponenti ali di folla festante. Giovani, meno giovani, bambini tutti impegnati a garantire alla festa la massima risonanza possibile, per ritrovarsi quindi nella piazza centrale per il concerto conclusivo, in un frastuono assordante ma tranquillamente sopportato da tutta la cittadinanza, che vede vivere ogni anno di più questa antica tradizione. In piazza, tè, vin brulè, salsicce e dolci sono stati distribuiti in abbondanza, mentre su tutta la zona hanno vigilato i vigili de fuoco perchè tutto rimanesse sotto controllo. Nel primo pomeriggio, grande festa anche per i bambini della scuola materna, che hanno assistito entusiasti all'accensione (da parte di due maestre vestite da pompiere), di un falò al centro del piazzale.Uno spettacolo al quale, assieme ai vigili del fuoco, hanno assistito anche numerosi genitori.

E' proprio il caso di dirlo, pensando alla situazione italiana e internazionale dominata da crisi, precarità, mancanza di fiducia e di prospettive certe, in balìa non già della volontà popolare ma dello strapotere delle banche (finanza apolide internazionale; vedi Governo Monti istituito su pressioni finanziarie internazionali): ...PIU' BUIA LA NOTTE...PIU' LUMINOSI I FUOCHI.

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
I commenti sono limitati ad un massimo di 500 caratteri.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.
Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Tag

x mezobik :

Rossi non è stato voluto dalla stragrande maggioranza dei trentini, bensì dalla stragrande...

21-10-2014 12:00
Picchio Trentino :

Ci sono 300 senza tetto?
Dove sta il problema? Basta aprire tutte quelle canoniche chiuse...

21-10-2014 12:00
corvo rosso :

la ricerca deve essere fine alla creazione di posti di lavoro in trentino , e non...

21-10-2014 11:55
@Esperienza Antica :

Chi ha lavorato in Svezia per 40 anni, non sembra così entusiasta del welfare svedese. Certo la...

21-10-2014 11:55
bianca :

Bravi i volontari, davvero! La pubblica amministrazione, i vari servizi sociali etc inefficienza...

21-10-2014 11:55