L'Isa va alla Michelin Palazzo da 20 milioni

isaTRENTO - Costerà poco meno di 20 milioni di euro il nuovo quartier generale dell'Isa, l'Istituto Atesino di Sviluppo, che sorgerà nel quartiere delle Albere, in costruzione sull'area ex Michelin. Il progetto del palazzo è stato curato, come il resto del quartiere, dallo studio di architettura di Renzo Piano, l'archistar che firma il complesso che sta nascendo a Trento sud, vicino al fiume Adige. L'immobile svetterà sul quartiere insieme alla nuova sede dell'Itas, la compagnia assicurativa regionale. Il consiglio comunale, infatti, ha votato la deroga che li definisce «edifici emergenti», con un'altezza di 23 metri, invece dei 18,50 previsti per gli edifici non residenziali.

Che l'Isa progettasse di spostarsi all'ex Michelin l'Adige lo ha scritto da tempo. Non c'era stata però finora nessuna conferma ufficiale. Invece il 3 marzo scorso uno dei manager della finanziaria di via Grazioli, Fabrizio Veneri , nell'ambito della presentazione dell'attività di Isa al master dell'Università di Trento, ha «svelato» in una slide, che riproduciamo nella pagina, il progetto della nuova sede e, precisamente, il prospetto ovest. Il palazzo ha la parte più elevata che dà sulla piazza del nuovo quartiere. L'idea infatti, come si legge nella variante al piano regolatore sui parametri edificatori dell'area Michelin, è che la piazza che si apre verso il parco sia in posizione baricentrica tra i due «poli» del quartiere, il Museo della scienza a nord e il centro congressi a sud.

«Per un più corretto rapporto di proporzioni con lo spazio aperto» e «per la giusta riconoscibilità del fulcro della piazza sul percorso pubblico che collega i due poli», è emersa la necessità di «dare maggiore forza ai fronti degli edifici che definiscono la piazza», da cui la proposta di maggiore altezza rispetto agli altri edifici non residenziali, mentre quelli residenziali sono alti al massimo 15,50 metri. I 23 metri del palazzo Isa e del palazzo Itas, l'altro edificio che dà sulla piazza, corrispondono alle altezze dei due poli, Muse e centro congressi. Quando sarà pronta la nuova sede, l'Isa lascerà quella attuale in via Grazioli, presso Palazzo Moggioli, dove è in affitto da Tecnofin Trentina, proprietaria dell'immobile.

xMah, concordo pienamente con te. Gestione disorganizzata della città; non omogenea; utilizzo di archistar poi limitate da prg retrogradi; solita costruzioni di palazzine anonime da 5 piani; pochissimo verde; a loro basta poi una deroghina per sgarrare sulle altezze; palazzi e appartamenti che i privati non comprano acquistati dalla PAT e dai suoi infiniti rami.Amarezza per un'occasione (unica) sprecata dalla città!

direi che i potenti " cattolici" colpiscono sempre in questa BIGOTTA città ....ahahahahah aha ahahaha

allora togliamo regolamento edilizio e limitiamo il prg a uno strumento molto debole. se una legge viene continuamente violata persino da coloro che la hanno promulgata..semplicemente o è una pessima legge o il comune esagera...quale delle due? e poi assistiamo al paradosso di avere pollai o rimesse che figurano come abuso edilizio. a furia di deroghe l'eccezione diventa la legge.allora chiedo: perché non si è pensato fin dall'inizio ad un area dove si potesse costruire fino a 30m? con maggiore densità ecc...ecc...?

così è a trento: nessuna idea globale della modificazione della città in un periodo in cui viene stravolta. poca trasparenza, zero concorsi, affidamenti diretti e, ciliegina sulla torta...continue autorizzazioni a violare gli stessi regolamenti edilizi...approvati dalla stessa amministrazione.e l'archistar a fare da grimaldello. niente contro l'archistar e niente sulla qualità ma è fin troppo ovvio che le regole non vengono rispettate..come dire "l'ha detto l'archistar" il che non è vero.semplicemente progetta un edificio più alto perché così voluto dalla committenza.allora---

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
I commenti sono limitati ad un massimo di 500 caratteri.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.
Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Tag

Francesco - Riva del Garda :

Mio dio... È tornato quello che scrive a monosillabi...

29-08-2014 21:10
Francesco - Riva del Garda :

Vedè che l'è meio comprarli al Poli i fonghi?!?

29-08-2014 21:08
Millord :

Ben detto!

29-08-2014 21:03
AndreaTN :

E' giusto, se uno ha fretta ha il diritto e dovere di prendere a schiaffoni le donne che vanno...

29-08-2014 20:59
attilio :

Quanta coerenza manca!!!!Si parla di gay ma non di pedofilia!!!Che coerenza,dove sta la coerenza...

29-08-2014 20:57