Cervo contro autoPaura e danni per una giovane

cimegoCIMEGO - Erano circa le 18.30 del 25, quando Nadia Gelpi, 25 anni, di professione geometra, impiegata in un ufficio tecnico storese, mentre stava scendendo con la sua Citroen C2 (nella foto dopo lo scontro) verso Storo, si è trovata davanti all'improvviso un grosso cervo del peso di due quintali. Lo scontro è stato inevitabile. L'animale è andato a morire ad una ventina di metri di distanza, mentre la ragazza, spaventata, chiamava il padre al telefono. La strada statale del Caffaro, in quel momento assai trafficata a causa delle macchine che scendevano dalla Rendena dopo una giornata di escursioni sugli sci, è stata bloccata per qualche decina di minuti, giusto il tempo per recuperare la carcassa del cervo e per spostare l'automobile assai danneggiata dopo l'urto (circa 5.000 euro di danni: la Provincia dovrebbe risarcire il 70%). L'incidente è avvenuto all'altezza del bivio fra la statale e la strada che porta a Cimego, un luogo in cui in passato si sono verificati altri incidenti del genere, a volte con conseguenze assai gravi. Stavolta la fortuna ha baciato in fronte Nadia, che è uscita illesa dallo scontro. Da tempo c'è chi reclama, per garantire la sicurezza degli automobilisti, l'installazione di reti, perché evidentemente quello è un luogo di attraversamento di cervi e caprioli. Ma finora si è trattato di voci che chiedono nel deserto. Macchina in carrozzeria e cervo al cimitero. O meglio, in qualche freezer. Pare, infatti (leggenda metropolitana o evento vero?), che qualcuno si sia già fatto avanti per comperare la carcassa, per poi rivenderla. Questo sembra sia uno sport praticato in zona, dove ci sarebbero esperti in attesa di incidenti di questo tipo, pronti ad intervenire con l'obiettivo di mettere in vendita le spoglie dei malcapitati animali. Intanto, la giovane geometra storese sta cercando di rimettersi dallo choc e di farsi passare la paura. Certo, per lei quello del 2008 sarà un Natale difficile da dimenticare.

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
I commenti sono limitati ad un massimo di 500 caratteri.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.
Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Tag

UH :

Vogliono il crocefisso per pregare che gli immigrati muoiano in mare e non raggiungano l'Italia...

01-08-2014 00:43
libegfra :

Al sud c'é un altissimo tasso di abbandono scolastico e questo fa sì che fra quelli che arrivano...

01-08-2014 00:42
DANI 77 :

Ma al di la di tutto dove e che si trova la zona frequentata da sto squilibrato...ditelo no?cosi...

01-08-2014 00:40
La rebellina :

Nondum matura est, nolo acerbam sumere.
In realtà Anansi mi sta simpatico ed è pure bravo...

01-08-2014 00:14
Giorgio l'onesto :

Effettivamente in Trentino le regole le rispettano tutti ...dal primo all'ultimo.......

01-08-2014 00:04