Fuga di gas, paura per due famiglie

MEZZOCORONA - Poco dopo le 14.30 è scattato l'allarme, ieri pomeriggio, per una fuga di gas avvenuta in località Pineta, lungo la strada provinciale 29, che porta a Roveré della Luna. Il manovratore dell'escavatore dell'impresa, impegnata nella posa della nuova tubazione delle acque nere, ha spezzato un tubo del gas metano. Sul posto sono immediatamente accorsi i pompieri e i vigili urbani. In via precauzionale sono state evacuate le due case vicine allo scavo, dove abitano le famiglie Kerschbaumer e Giovannini. Nella zona, sempre per evitare che il gas fuoriuscito potesse causare esplosioni, è stata sospesa l'erogazione di energia elettrica nei rioni Stont ed Egheti, a nord dell'abitato di Mezzocorona. Immediato l'intervento dei tecnici dell'Air e della Trentino Servizi, che hanno effettuato la riparazione e ripristinato la tubazione del gas poco dopo le 17. La chiusura del tratto di rete del metano ha interessato solo le abitazioni e alcune aziende della zona produttiva in località Pineta. Si trattava della rottura di un tubo che serve unicamente quelle utenze. «Le due case sono state evacuate anche se la situazione era già sotto controllo - racconta il sindaco Mauro Fiamozzi, che ha effettuato un sopralluogo durante la riparazione del tubo - ma si è voluto evitare qualsiasi rischio per gli abitanti. Fino all'arrivo dei tecnici, non si sapeva di quale dimensione fosse il danno e quali pericoli o conseguenze avrebbe potuto causare la rottura del tubo». L'acre odore del gas, concentratosi davanti alle due case evacuate, si è dissolto quasi subito ma un po' di timore tra chi abita in via Borgo Nuovo e nelle ultime case del paese c'è stato nel vedere il concentramento di così tanti mezzi di soccorso. L'inconveniente si è risolto nel giro di appena tre ore ma l'allarme era già rientrato da più di un'ora. Un analogo incidente era avvenuto il mese scorso a Fai della Paganella, durante la posa delle fibre ottiche in località Belvedere. Anche in quella circostanza il tempestivo intervento dei tecnici della Trentino Servizi fece rientrare l'allarme nel giro di poche ore.
M. M.

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
I commenti sono limitati ad un massimo di 500 caratteri.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.
Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Tag

Lucky :

devono rincorrere l'orso.... quanti soldi risparmiati se non si reintroduceva

02-09-2014 08:33
Silvio malacarne da Cles :

Sig. Diego Mosna mi scusi,
Lei è cresciuto nel settore privato, Lei è abituato a dire...

02-09-2014 08:27
margheritina :

proprio un bel trio, il viaggio chi lo
paga?

02-09-2014 08:25
francesca 22 :

Senza tanti giri di parole, sono più che d'accordo con le dimissioni di Bort. Che cosa ce ne...

02-09-2014 08:16
La fine dell'Italia :

Non serve aspettare il 2017. Renzi e' un pataccaro. E a chi sostiene che l'unica alternativa a...

02-09-2014 08:14