Cartiere del Garda, gli occupati calano a 496

Incontro interlocutorio martedì sera tra il capo del personale e le rappresentanze sindacali delle Cartiere del Garda in merito ai 27 esuberi (persone da licenziare) annunciati da Paolo Mattei nei giorni scorsi. È stato esaminato in dettaglio il piano di ridimensionamento dell'organico dello stabilimento che potrebbe scendere sotto la storica quota di 500 addetti: da 523 a 496 (erano 581 a fine 2006 e 564 a fine 2007 poi scesi di 61 unità dopo la «cura» annunciata nel 2007 e applicata nel 2008). Si è lavorato di cesello per cercare di individuare gli operai più vicini alla pensione. Lunedì prossimo le rappresentanze sindacali pianificheranno le assemblee con i lavoratori per poi dare una risposta alle proposte dell'azienda. La società aprirà subito dopo la procedura di mobilità per i 27 dipendenti in eccesso. Secondo quanto ipotizzato, non 10 ma 5 lavoratori da lasciare a casa verrebbero pescati dagli uffici (tecnico, commerciale...) dove verrà messa in atto una «ottimizzazione» e altri 5 dal personale del depuratore (2) e dagli addetti al tornio che verranno esternalizzati (3), ossia passati a ditta esterna. Altri 10 proverranno dal reparto allestimento - non solo o non necessariamente da quello - ammortizzati con la mobilità o con prepensionamenti. Gli altri 7 verrebbero individuati dal reparto finissaggio che con la sua strumentazione potrebbe passare sotto l'azienda Arcese.

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
I commenti sono limitati ad un massimo di 500 caratteri.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.
Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Tag

Lucky :

devono rincorrere l'orso.... quanti soldi risparmiati se non si reintroduceva

02-09-2014 08:33
Silvio malacarne da Cles :

Sig. Diego Mosna mi scusi,
Lei è cresciuto nel settore privato, Lei è abituato a dire...

02-09-2014 08:27
margheritina :

proprio un bel trio, il viaggio chi lo
paga?

02-09-2014 08:25
francesca 22 :

Senza tanti giri di parole, sono più che d'accordo con le dimissioni di Bort. Che cosa ce ne...

02-09-2014 08:16
La fine dell'Italia :

Non serve aspettare il 2017. Renzi e' un pataccaro. E a chi sostiene che l'unica alternativa a...

02-09-2014 08:14